Nella Maremma Laziale insieme a guide preparate e tour-promoters intelligenti per una vacanza che si trasforma in viaggio dell'anima se si vuole ascoltare anche la gente del luogo, problemi compresi.

immagine

Panorama dal casale del Polline




 

immagine

Tramonto sul Lago di Bracciano

immagine

bellissime passeggiate (a piedi e a cavallo) e sotto
i campi di lavanda a Tuscania (Viterbo)

immagine
immagine

Turismo intelligente e responsabile

Anguillara Sabazia, 14 giugno 2012 - Il programma del Tour in Lazio curato ed organizzato da Elena Riccioni di Associazione "Terra Tua" è partito da Tuscania e si è sviluppato secondo l'arte della semplicità, alla scoperta della vita agreste, artistica e spirituale di questa parte d'Italia così ricca di storia e tradizioni.

Agricoltori, butteri, artisti hanno raccontato i loro saperi offrendo al tempo stesso i sapori della loro terra: la ricotta appena fatta, il formaggio stagionato, la carne e i salumi provenienti dagli allevamenti locale, la pasta fresca.

L'Abbazia di San Giusto restituita al suo antico splendore ed affacciata su una piantagione di lavanda è un piccolo miracolo di intraprendenza privata. Acquistata come stalla, ha restituito alle intelligenti mani del suo nuovo proprietario (la famiglia Checcoli) tesori a pieni mani: un chiostro ricostituito secondo la tradizione in una terra che fin dagli Etruschi, ha visto questa terra luogo d'incontro di culture e arti diverse.

La Tuscia riserva molte sorprese a chi viaggia: i paesaggi maremmani sono dolcissimi, disseminati di allevamenti di mucche e cavalli allo stato brado, pecore di razza Sarda e capre di razza Maltese. Gli orizzonti si incontrano sul Lago di Bracciano, dove l'imperatore Traiano individuò la sua risorsa idrica con la costruzione di un acquedotto che ancora oggi rifornisce le fontane del Vaticano. La zona infatti è un enclave del Comune di Roma. Pur in assenza di continuità dei confini geografici l'area appartiene non solo al Parco ma alla XX circoscrizione di Roma Capitale sulla quale insistono campi e foreste, ricchi di fauna pregiata e fonte di fienagione. E' anche l'area del Parco di Bracciano e Martignano.

Elena Riccioni, va giustamente fiera della bellezza del suo territorio del quale ha fatto una ragione di vita. Nata ad Anguillara Sabazia, 37 anni, lavora per promuovere un nuovo modo di visitare queste zone, con il gusto della lentezza e la gioia dell'ascolto dei propri passi.

Impiegata presso il locale campeggio Parco del Lago, posto sulle rive dell'invaso dove sono stati rinvenuti importantissimi reperti del Neolitico oggi conservati nel Museo Nazionale Preistorico Etnografico Luigi Pigorini di Roma (mentre nel locale museo di Trevignano si trovano circa 350 pezzi etruschi di immenso valore ed un piccolo Museo della Piroga ad Anguillara Sabazia a breve riaprirà al pubblico), Elena ha elaborato uno speciale tour a piedi denominato "Solidarietà Agricola del Lago Martignano".

Il pacchetto propone al turista di camminare nel cuore del Parco Naturale di Bracciano e Martignano, attraversando aziende agricole private, lungo i fossi scavati dalle acque in profonde gole tra i due laghi vulcanici, per poi addentrarsi nella boscaglia e apprezzare i vari micro habitat.

Accompagnati da guide locali si transita sulla vecchia strada doganale vicino l''antico acquedotto Romano dell'acqua Alseatina lungo sentieri pieni di erbe mediche dove di notte scorazza indisturbato il cinghiale.Ne sono traccia le buche di fango in cui si rotola, strusciandosi poi sul tronco degli imponenti alberi che costituiscono i boschi autoctoni di pino, leccio e querce. Attorno ai sentieri gravita un mondo "bio" popolato di pecore di razza maltese, bellissime mandrie di mucche Cherolais, cavalli maremmani allo stato brado.

Chi vi abita e lavora presidia il territorio con aziende agricole e strutture ricettive che hanno abbattuto i confini della proprietà privata, e si sono unite, convinte dal progetto di Elena Riccioni che nelle sue passeggiate inserisce il pranzo presso un'azienda agricola e nel pomeriggio la merenda al "Casale di Polline" della famiglia di Di Domenico per una vista mozzafiato che domina il Lago di Bracciano.

E per la notte? Il B&B Grotte del Sole con le sue grotte Etrusche, contornato da un orto e da un giardino privato di Leslie Poleri artista del luogo: il giusto approdo per una tour alla scoperta dei veri guardiani della terra. Quelli che hanno deciso di vivere secondo ritmi naturali, dando la giustra attenzione alla trasmissione dei saperi delle genti, profumi e problemi compresi. Primo fra tutti la discarica tra Cerveteri e Ladispoli. Una follia realizzarla dentro un eco-sistema di tal bellezza e armonia.
(Corona Perer)

info: Associazione Terra Tua
Info.terratua@gmail.com Tel 340.6451801


> Speciale Turismo Responsabile
> link

www.giornalesentire.it - Note legali - Riproduzione riservata

Commenta