Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Arte e cultura

Annalia Spagnolli e il fascino dell'insignificante

Annalia Spagnolli e il fascino dell'insignificantespagnolli_annalia_2.jpgspagnolli_annalia.jpgAnnalia_Spagnolli_002.jpgAnnalia_Spagnolli_004.jpgAnnalia_Spagnolli_003.jpgAnnalia_Spagnolli_005.jpg
intervista di Corona Perer

Il fatto curioso è che lei, del suo passato a Carosello, non vuol proprio parlare. Come se si trattasse di una vicenda minore della sua storia artistica. Ma la sua è solo una percezione generazionale: l'Arte è inferiore alla Pubblicità, si poteva dire un tempo. Ma oggi si riconosce anche l'Arte della Pubblicità. Ecco perchè Annalia Spagnolli preferisce parlare dei suoi 40 anni di pittura in cui si è misurata con varie tecniche (dalla lavorazione del vetro alla grafica, dagli oli agli acquerelli fino alla scultura).

Anni in cui la visione dell'arte è stata dominata dallo stesso identico stupore: sente di vivere qualcosa di semplice e grande allo stesso tempo, infinitamente complesso, il colore della luce e delle emozioni.

Annalia Spagnolli predilige la natura: paesaggi lacustri e fluviali, dove la natura prende forma in confini che si toccano, tra acqua e cieli spazzolati dal vento. Gli orizzonti sono sempre vasti e si contrappongono al piccolo mondo degli abitanti della palude, minuscoli e silenziosi amici che fanno da compagni ad ideali passeggiate in solitaria. Li si può avvertire ed immaginare appostati con fare guardingo dietro a un canneto, "dentro" un habitat naturale dove a dominare. E' come se la mano del pittore perlustrasse, pronta ad incontrare la fauna acquatica ben sapendo dove abita la rana e dove il rospo. Guardare uno dei suoi quadri...


Inserire la password
fornita tramite l'abbonamento:



Arte e cultura

Arte e cultura

Isgr.jpg colore_rosso.jpg OS_5xmille_185x190.gif DECENNALE.jpg