Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Viaggi

Sinfonia d'autunno: il monte Amiata

Sinfonia d'autunno: il monte AmiataAbbazia_21.jpgAbbazia_23.jpgAbbazia_29.jpgAbbadia_San_Salvatore.jpgfesta_del_marrone2.jpgricci.jpgblu_autunno.jpgnibbio_monte_amiata.jpg
#AmiatAutunno

Sette comuni del Monte Amiata propongono una rassegna di appuntamenti dedicati ai prodotti tipici: castagne, funghi, olio e vino. #AmiatAutunno è un tuor tra gusto e tradizione in una Toscana ancora tutta da scoprire di paese in paese: per un’intera stagione, la montagna racconta le sue tradizioni e svela paesaggi mozzafiato all’insegna dell’enogastronomiaVi segnaliamo gli appuntamenti.

Abbadia San Salvatore  (il 14-15-16 ottobre) metterà in scena la “Festa d’Autunno”. Protagonista principale la castagna, prodotto che da sempre ha riempito le madie con la sua preziosa farina, con la quale si riusciva a sostituire il pane in una terra non abbondante di grano e che ogni giorno garantiva una nutriente polenta.
Nel fine settimana del 15 e 16 ottobre a Bagnolo (comune di Santa Fiora) si allestisce la “Sagra del Fungo Amiatino” con mostre e convegni micologici ma anche passeggiate alla ricerca di funghi e degustazione del Fungo Porcino dell'Amiata cucinato dalle mani esperte dei cuochi della sagra.
 “Castagna in Festa” movimenterà Arcidosso dove per due fine settimana (14-15-16 e 21-22-23 ottobre) si celebra il frutto a cui si sono legate, fin dall’antichità, le sorti di tante donne e uomini dell’Amiata. Una festa fatta dalla gente: tante le associazioni di volontariato del territorio che collaborano alla riuscita, allestendo stand con prodotti a base di castagne e birra di castagne. L’olio è stato invece il primo protagonista a settembre quando Montegiovi (comune di Castel del Piano) ha accolto la “43° edizione della Sagra della Bruschetta”.

Il monte Amiata, massiccio montuoso dell'Antiappennino toscano posto tra la Maremma, la Val d'Orcia e la Val di Chiana sovrasta l'abitato di Abbadia Salvatore. Chi abita ai suoi piedi la chiama la montagna-madre. È un antico vulcano, ormai spento. Dalle sue profonità sgorgano numerose sorgenti, una imponente ricchezza idrica e termale che va poi ad arricchire la vicina Chianciano, centro di importanza storica nel turismo termale ma che regala nel primo paese posto ai suoi piedi (Abbadia San Salvatore) i meravigliosi Bagni di San Filippo. L'Amiata è in parte nella provincia di Siena e in parte in quella di Grosseto. Siamo nelle Terre di Siena e nella dolcissima Val d'Orcia.


< foto: il museo di arte sacra di Abbadia




Da queste parti passa la via Francigena che provenendo da Poggibonsi e dirigendosi verso Acquapendente, tocca località piene di fascino come Monteroni, Murlo, Buonconvento (a una manciata di chilometri da Montalcino), e prosegue per San Quirico d'Orcia, Castiglione, Radicofani, San Casciano e appunto Abbadia San  Salvatore.
Quest'ultima località è un gioiello: oltre ad avere un magnifico  centro storico da percorrere a piedi con un dedalo di viuzze. Per il Natale l’intera comunità della cittadina del Monte Amiata si è mobilitata per dare vita a un’esposizione itinerante che ha presentato oltre 40 presepi, secondo un allestimento che sfrutta le peculiarità delle strade e delle abitazioni del borgo antico. Inoltre, in concomitanza con il Giubileo, 7 presepi sono dedicati a rappresentare una scena delle Sette Opere Corporali di Misericordia.


< il rito delle “Fiaccole”, manifestazione che rende unico 
il Natale di Abbadia San Salvatore



Abbadia è chiamata anche la Città delle Fiaccole una delle più antiche feste italiane del fuoco che la comunità badenga continua a vivere in modo singolare.Un motivo in più per visitare Abbadia è il parco minerario che racconta come - a cavallo tra Ottocento e Novecento - proprio da questo luogo - braccia operose abbiano dato vita ad una economia importantissima per l'intero paese. Qui si estraeva il mercurio dal cinabro. Circondato da un magnifico bosco di castagni, il parco minerario è un pezzo importantissimo di storia italiana. Nel parco-Museo il recupero della memoria è portato avanti con convinzione dalla popolazione locale. Visitarlo regala conoscenze ed emozioni davvero straordinarie. E' possibile infatti entrare nelle miniere, conoscere e sentire dagli ultimi minatori la vita che conducevano, i rischi che correvano e la fatica che portarono sulle loro spalle, nonchè le malattie di cui furono vittime, fino al 1976 anno della chiusura dell'impianto (la storia oggi è tenuta in vita dagli ex minatori > clicca qui).

Oggi del mercurio, non più prodotto da oltre trent'anni, rimane dunque una ricca memoria. Il Museo minerario di Abbadia San Salvatore è un pezzo imprtantissimo di storia italiana ed anche europea. La miniera di cinabro contava gallerie per 35 chilometri fino a 400 metri in profondità, disposte su ben 16 livelli a 25 metri l'una dall'altra. Un percorso di circa 300 metri dove sono riprodotti i luoghi di lavoro è oggi accessibile anche ai turisti. Il parco minerario è immerso in percorsi naturalistici per escursioni a piedi, a cavallo e in mountain bike, anche se per molto tempo i castagni venivano tagliati per farne pali con i quali sostenere e consolidare le miniere in continua escavazione.

L'origine del toponimo "Amiata" è stata da alcuni individuata nel latino "ad meata", ossia "alle sorgenti". Altre ipotesi lo farebbero derivare da "mons Tuniatus-Montuniata" con riferimento a Tinia, la massima divinità etrusca. Non è un caso che proprio qui sia sorta una Abbazia imperiale. Imperdibile la visita al monastero prima benedettino poi cistercense, che in epoca feudale ha esercitato un potere di rilievo sui territori posti sul versante orientale e occidentale dell'Amiata. L'Abbazia ebbe fortune alterne, dovute anche ai frequenti scontri tra casate (Aldobrandeschi contro Orsini e magari rapporti conflittuali con il Papato di Roma) finchè fu infine soppressa nel 1782.
Il Museo di arte sacra ricco di reperti prestigiosi (tra cui una copia del Codice Amiatino) avrà presto una nuova sede. Al momento si trova ancora nei locali attigui all'Abbazia. Tra i pezzi più importanti un cofanetto-reliquiario del VIII secolo, il reliquiario di San Marco Papa, a forma di busto, di Angnolo Romanelli (1381), una casula dell' VIII-IX secolo e un pavimento senese di maiolica datato XV secolo già della Chiesa della Madonna del Castagno.

Abbadia San Salvatore, è anche uno dei centri turistici più importanti del monte Amiata e della stessa Toscana (ottime piste da sci e impianti per sport invernali). Stazione climatica e luogo di vacanza conserva l'altro gioiello naturalistico dei bagni di San Filippo.
L'acqua termale che sgorga dalle viscere del vulcano ed è ormai il must di questa zona, così ricca e piena di emozioni, da gustare nei suoi sapori (gastronomia di assoluta eccellenza: sono le terre della cinta senese) e nei suoi umori autunnali.
Da queste parti è tornato a volare il nibbio reale grazie ad un progetto, cofinanziato dall'Ue. Il ripopolamento del rapace ha riguardato l'alta Valle dell'Albegna e il Parco di Frasassi con il rilascio di giovani esemplari.La sua presenza è un must che si aggiunge al profumo del bosco, il sapore delle castagne, il calore che si immagina provenire dalle viscere del vulcano, ormai quieto e addormentato.

www.giornalesentire.it - reportages
(a cura di Corona Perer)
 


LEGGI
> Viaggio nella gastronomia senese: solo eccellenze
> Siena la provincia più termale d'Italia
> Storie: Paolo Contorni, il piccolo minatore
info su www.terresiena.it

Viaggi

Viaggi

banner.jpg 185x190.gif colore_rosso.jpg banner_gusti.jpg viaggio_2.jpg banner_hotel.jpg logoViaggiareSicuri.jpg