Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Arte e cultura

R di Martino, Authentic News of Invisible Things

R di Martino, Authentic News of Invisible Things01_Museion_ra_di_Martino_low.jpgMuseion_ra_di_Martino_giornale_sentire.jpg04_Museion_Ra_di_Martino_courtesy_the_artist_lq.jpgMuseion_Ra_di_Martino_Foto_Meneghel.jpg
News of Invisible Things

(c.perer) - Quanta verità c’è in una messa in scena? Bella domanda. L'artista Rä di Martino, con Authentic News of Invisible Things tenta una risposta. La direttrice Letizia Ragaglia ha spiegato il concept: Rä di Martino respira in un continuo passaggio tra realtà e finzione, tra storia e presente. “Lo sguardo dell’artista apre a nuove, inaspettate narrazioni di vicende storiche passate”.

Innanzitutto però un dato sul contesto: Bolzano non è una città casuale. Qui ha sede l’Iveco Defence Vehicle (Iveco DV). Cosa produce? Carri armati o meglio i Lince che oggi vengono usati sui territori a più alta criticità bellica come Iraq e Afghanistan. E' meditando tra le epoche e ragionando sulla realtà odierna che l'artista parte da una constatazione in sé curiosa: se la guerra utilizza spesso camouflage e messe in scena, il cinema tende invece ad utilizzare carri armati veri e propri. Mettere in luce le contraddizioni tra la realtà e la finzione ma anche attivare ricerche sulla storia e la memoria collettiva sono gli elementi su cui lavora l’artista.

Ma attenzione i finti tanker nella storia furono effettivamente usati: in legno, di tela o anche dipinti a mano. I dummy tanks furono impiegati sia nella prima che nella seconda guerra mondiale per ingannare i nemici e sono ancora utilizzati ai giorni nostri. Ed ecco che scatta il cortocircuito temporale che sta alla base del lavoro di Rä di Martino. Nella mostra proposta da Museion e a cura di Frida Carazzato l'artista presenta video (girati a Bolzano) e materiali d’archivio nonchè un’installazione.

Ricreando una fotografia del 1918 proveniente dall’Imperial War Museum di Londra dove un gruppo di civili osserva un finto carro armato lasciato per strada, Rä di Martino “sposta” ciò che accadde nella cittadina francese di Lille nelle vie del centro di Bolzano, quasi cento anni dopo, con un gruppo di comparse in abito d’epoca guarda un finto carro armato. L’artista ha filmato anche le reazioni di comuni passanti di fronte al passaggio di una vera “macchina da guerra” . Stranissimo: oggi vedendo passare un simbolo bellico nessuno pensa a un’entrata in guerra, ma in paesi geograficamente non troppo lontani da noi è così.

Da qui il titolo scelto da Rä di Martino: Authentic News of Invisible Things (notizie autentiche di fatti invisibili), riadattamento dei versi del poeta inglese William Wordsworth.
Rä di Martino (nato a Roma nel 1975), ha già numerose mostre al suo attivo, in Italia e all’estero con realta di primo ordine come il PS1, New York, Tate Modern, Londra, Palazzo Grassi, Venezia, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino, MACRO, Roma. Le sue opere hanno partecipato a Film Festival internazionali tra cui il Locarno Film Festival, New York Underground Film Festival e il Torino Film Festival. Al suo documentario "The Show MAS Go On" è stato assegnato il premio SIAE ed il Premio Gillo Pontecorvo Arcobaleno Latino alle Giornate degli autori della 71. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia 2014.

Il progetto ha coinvolto realtà private come la Matteo Viglietta SpA, NCTM per l’arte, CAP Contemporary Art Projects ed il Reggimento "Lancieri di Novara" (5°) di Codroipo, Udine.  L'artista ha voluto dedicarla a Massimo Buffetti.
Bolzano, 25/09/2014

 

Arte e cultura

Arte e cultura

185x190.gif colore_rosso.jpg google_1.png boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif