Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Persone e idee

Bruno Haas, la bellezza č splendore necessario

Bruno Haas, la bellezza č splendore necessarioBRUNO_HAAS_foto_c_1.jpgBRUNO_HAAS_foto_c_5.jpgBRUNO_HAAS_foto_c_3.jpgCAM01635.jpg
Rosmini Day 2016

Una conferenza interessante con tanta gente, un pubblico qualificato e... forse una sedia vuota: quella per Rosmini rimasto curiosamente al di fuori delle considerazioni della dotta serata. E così il pubblico numeroso che ha partecipato (con ogni probabilità attratto dalla ghiotta occasione di potersi avvicinare ad un pensiero a torto ritenuto complesso), ha certamente potuto attingere ad una lectio assolutamente magistrale, ma senza poter accedere al cuore del pensiero rosminiano. Se poi si considera che l'evento era organizzato nell'ambito del Rosmini Day dallo stesso Centro Studi che conduce da anni ricerche sul filosofo con lo scopo di divulgarne modernità e attualità, l'assenza appare assolutamente curiosa. Perchè Rosmini alla callologia (studio del bello) ha dedicato intense riflessioni.

Bruno Haas, docente all'università di Dresda, giustamente presentato come lo studioso più attrezzato per parlarne (è grande esperto di Rosmini, Hegel e Kant) ha preferito sostare sulla definizione di bellezza alla luce del dialogo platonico di Ippia, uno dei dialoghi minori dl filosofo greco dove si trovano sette definizioni di bellezza.

“Tre di queste sono assolutamente ridicole” ha esordito Haas “ma le confutazioni che farò vi porteranno verso un naufragio delle altre quattro che non hanno fondamento. Il mio sarà un dialogo aporetico che quindi non approda ad una soluzione” ha avvertito il filosofo tedesco che è partito dalle tre proposizioni ridicole ovvero: che la bellezza sia una bella ragazza (ma una cosa astratta non può essere concreta), che la Bellezza sia oro ma questo sarebbe feticismo, che la Bellezza sia la buona vita ovvero avere successo e onori, seppellire i genitori e farsi seppellire dai figli, in buona sostanza la normalità e sostanzialmente una visione morale.

Secondo le altre quattro posizioni platoniche, il Bello sarebbe ciò che è conveniente, ciò che è utile, ciò che avvantaggia, ciò che è piacevole per occhi e udito. Nelle sue perorazioni Haas ha eccepito che le quattro visioni si riferiscono a quattro distinti periodi storici: dall'estetica classica all'estetica modernista, da una visione utilitaristica ed etica ad una estetica per i sensi (ciò che appaga occhi e udito).

Per Haas si tratta di un problema di traduzione e quindi di filologia e perviene alla convinzione che la Bellezza sia lo Spendore, la proporzione perfetta anche se lo splendore è una metafora e non una definizione vera e propria perciò pur sempre pura apparenza. Il termine Necessità invece traduce le altre proposizioni platoniche e quindi la Bellezza sarebbe lo splendore-necessario, cioè utile, il più necessario alla vita. Ed ha concluso con una provocazione “Non c'è vita senza Bellezza, perchè senza Bellezza il mondo sarebbe la Germania” affermazione alquanto intrigante che avrebbe certamente aperto un altro mare di discussione.

Ma qui la Lectio Magistralis (certamente magistrale nella agilità del pensiero e delle confutazioni), si è chiusa, lasciando muta la domanda spontanea: e Rosmini? Ciò nulla toglie al prestigioso evento e alla sua "bellezza". Così le parole di auspicio introduttive espresse dalla vicesindaco Cristina Azzolini restano valide e utili. “Faremo di tutto per rendere Rosmini affascinante e attrattivo” aveva detto, ringraziando chi si prodiga in ricerche e divulgazione, in primis la Biblioteca Rosminiana e lo stesso Centro Studi. E va da sè far notare che Antonio Rosmini aveva in somma considerazione il tema della Bellezza alla quale fu introdotto dallo zio Ambrogio. Fu proprio Platone ad affascinarlo, poi Rosmini trovò in Manzoni i suo modello estetico. Ed infine approdò alla massima bellezza: l'Essere, tantè che tra i verbi pronunciati in punto di morte c'era il termine “godere”.

www.giornalesentire.it
 

Persone e idee

Persone e idee

185x190.gif colore_rosso.jpg google_1.png boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif