Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Viaggi

Ala, la cittą del velluto

Ala, la cittą del vellutoala-citt-di-velluto-2015.pngala_velluti__2.jpgala_velluti__1.jpg
tra passato e futuro

Ala conserva un’atmosfera barocca. Fiori all’occhiello della città, un centro storico tra i più belli del Trentino e il Museo del Pianoforte Antico. Ribattezzata “Città di Velluto” nel Settecento, nel 2007 ha ricevuto la Bandiera arancione del Touring Club Italiano.

Il suo centro storico, uno dei più ben conservati del Trentino, d’estate si anima in occasione di “Ala, Città di Velluto”. Piazze, palazzi e giardini si aprono a spettacoli d’arte, musica e poesia. Sarà così anche quest'anno, ma con una cifra stilistica diversa: tra passato e futuro.

La raffinata immagine dell'edizione 2015 è un volto di donna che si scompone e si trasforma tra ieri e oggi. Storia e contemporaneità si intrecciano infatti nell'edizione 2015 che è stata presentata a Trento. Gli spettacoli proposti,  da quelli musicali intrecciano temi e le armonie del genio di Salisburgo con la musica etnica e con quel particolare melange di pop, reggae, rock e jazz. Le partiture barocche dei rondò faranno i conti con sonorità della musica pop, e quelli teatrali vedranno un “Casanova” interprete attualissimo di vizi e virtù dell’oggi, ci sarà una rilettura in chiave moderna di arie celebri come il rossiniano “Barbiere” fino al mozartiano “Flauto magico” nell’interpretazione dell’Orchestra di Piazza Vittorio, a chiusura della kermesse.

Il programma dell'iniziativa che si terrà nel Centro storico di Ala il 3, 4 e 5 luglio 2015 (è la diciottesima edizione), è stato illustrato dal sindaco di Ala, Claudio Soini, dall'assessore comunale alla Cultura Antonella Tomasi e da Luigino Lorenzini, presidente del Coro “Città di Ala”. Sergio Franceschinelli ha portato il saluto dell'assessore provinciale alla cultura, Tiziano Mellarini.  
La festa, come di consueto, inizia nella serata di venerdì con l’apertura dei cortili animati, luoghi di incontro per condividere con i figuranti di Ala storie, racconti e ricordi. Molti cortili saranno animati da brevi momenti teatrali, per renderli ancora più coinvolgenti e interattivi. Tante le proposte per i bambini e le famiglie, sia a livello di spettacoli che di laboratori. Molti anche gli artisti di strada che si alterneranno nelle tre serate: il pianoforte itinerante con ballerina de “Italento”, la parata di trampoli “Moonlight”, la musica stile Rondò veneziano de “I solisti di San Marco”.

Tutte le sere sarà possibile degustare l’ottimo cibo nelle tipiche locande di Città di Velluto, allestite nei luoghi più suggestivi del centro storico e gestite dalle locali associazioni di volontariato (come lo scorso anno, anche per questa edizione gli allergici al glutine non dovranno rinunciare a queste specialità grazie alla collaborazione con l’Associazione Italiana Celiachia Trentino). Dagli aperitivi della “Locanda dei cellieri” (dove quelli analcolici potranno essere degustati gratuitamente) ai primi piatti (gnocchi e canederli), dai secondi piatti (carne salà, trota, tagliere di salumi e formaggi) ai dolci tradizionali (Torta Sacher, torta di grano saraceno, crostata di mirtilli) serviti col caffè: un menu ricco di sapori accompagnato dagli ottimi vini locali, che saprà deliziare i buongustai. Da sottolineare, inoltre, che in tutte le locande vengono scelti prodotti a chilometri zero e vengono utilizzate stoviglie ecologiche: un occhio di riguardo, dunque, è riservato anche quest’anno all’ambiente.

Il programma di intrattenimento è molto ricco, in particolare nelle tre serate di festa con spettacoli ed animazioni che si susseguono fino a notte inoltrata, ma anche nelle giornate di sabato e domenica non mancano le attività, come escursioni, visite al Museo del Pianoforte Antico e visite guidate al centro storico accompagnati da figuranti in costume settecentesco. In particolare si evidenzia la visita alla Fucina Cortina di domenica mattina, raggiungibile a piedi ad Ala in circa 30’ di cammino, dove verranno svelati i segreti della lavorazione del ferro, vedendo in funzione gli antichi strumenti. Sono circa 400 i volontari che lavorano attivamente prima e durante la manifestazione, sia per quanto riguarda la disponibilità da parte di molte famiglie ad accogliere nei propri palazzi e cortili le varie animazioni.

info: www.cittadivelluto.it

Trento, 29 giugno 2015
 

Viaggi

Viaggi

banner.jpg colore_rosso.jpg banner_gusti.jpg viaggio_2.jpg banner_hotel.jpg logoViaggiareSicuri.jpg