Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Arte e cultura

Aldo Schmid, Astrazioni cromatiche

Aldo Schmid, Astrazioni cromatiche USA_QUESTA-001.jpgAldo_Schmid_GiVi_2A_1975_acrilico_su_tela_cm_80x80_Collezione_privata.jpgschmid.jpg
Viaggio nel colore

La ricerca pittorica dell’artista trentino Aldo Schmid (Trento, 1935 - Monzumo, Bologna, 1978) rappresenta una delle esperienze più compiute e coerenti, all’interno del panorama culturale territoriale, dedicata squisitamente all’indagine sulle potenzialità espressive del colore.

Schmid aveva iniziato a occuparsi del problema del colore come elemento fondante della sua poetica nel 1964, affidando la sua instancabile ricerca teorica - che lo avvicina alle esperienze dello svizzero Itten - a una serie di manoscritti, pubblicazioni nonché ad alcuni fondamentali cicli pittorici.

Nell’evolversi della sua ricerca, Schmid approfondisce la complessa fenomenologia delle opposizioni e delle simultaneità cromatiche tramite comparazioni percettive, seguendo pratiche metodologiche rigorosamente verificabili e studiate sul piano teorico.

Nel 1977, insieme ad altri artisti trentini, dà vita al Movimento di Astrazione Oggettiva. Non ci è dato sapere quali esiti avrebbe raggiunto la sua pittura poiché, come è noto, Schmid muore il 15 aprile 1978, vittima di un incidente ferroviario avvenuto sulla linea Bologna-Firenze, a Monzuno.

Una mostra gli è stata dedicata nel 2014 dal Mag, Museo Alto Garda. Curata da Daniela Ferrari è stata occasione per offrire un ciclo di approfondimenti e aggiornamenti sul linguaggio contemporaneo, a partire dagli anni Settanta del Novecento.

Da luogo di conservazione di carattere storico-artistico, la Pinacoteca del Museo di Riva del Garda ha aperto le sue finestre su una selezione di progetti espositivi che permettono di documentare il più recente linguaggio figurativo.

 


 

 

 

Arte e cultura

Arte e cultura

185x190.gif colore_rosso.jpg google_1.png boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif