Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Ambiente

Bolzano: Bye bye butterfly al Museo di Scienze

Bolzano: Bye bye butterfly  al Museo di Scienzeimage.jpgfarfalla-88.jpgfarfalla_macaone.jpg
fino a fine aprile 2017

“Bye bye butterfly – Farfalle locali e ospiti tropicali” è il titolo della nuova mostra temporanea del Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige a Bolzano.

Le farfalle e la loro straordinaria metamorfosi da sempre colpiscono l’immaginario dell’uomo, tanto che la parola “psychè” in greco antico significa sia farfalla che anima. A questi colorati geni del volo – uno dei gruppi di insetti più studiati in assoluto – il Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige dedica ora la sua nuova mostra temporanea.

L’esposizione, allestita nel parterre del museo, permette di osservare questi stupendi esseri, il loro ciclo vitale e il loro ambiente davvero da vicino, con le crisalidi viventi della serra tropicale a dare un’idea dell’enorme varietà di forme e colori che li caratterizza. Come spiega la direttrice della Ripartizione provinciale Musei e dei Musei provinciali, Karin Dalla Torre, “un tema accattivante e di sicuro impatto divulgativo – le farfalle – diviene l’occasione per veicolare i positivi esiti dell’impegno del Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige nella ricerca e nella conservazione di collezioni naturalistiche”.

Nonostante l’apertura alare della farfalla più grande al mondo (l’atlante o farfalla cobra, diffusa nel sud-est asiatico e presente viva in esposizione) raggiunga quasi i 30 centimetri, la maggior parte di questi insetti è di piccole dimensioni.

Grazie a fotografie a forte ingrandimento, a modelli di uova e ad elementi osservati al microscopio, chi visita la mostra può scoprire fantastici dettagli come ad esempio le squame monocolore che formano, insieme, il disegno delle ali. E ancora: il modello di un bruco e di una crisalide lasciano intuire quanto raffinati possano essere i loro meccanismi di difesa e mimetizzazione. Immagini, filmati ed esemplari preparati illustrano poi la gran varietà di forme delle farfalle e delle strategie da esse adottate.

La mostra non poteva non concentrarsi, naturalmente, sui bruchi. È noto infatti che le farfalle durante la loro esistenza attraversano diversi stadi, e quello del bruco suscita normalmente presso il pubblico molto meno successo dell’animale adulto.

Durante la visita è così possibile osservare il ciclo vitale delle farfalle gettando lo sguardo sulle larve della tignola fasciata del grano (nota anche come tarma del cibo o farfallina della farina). Contestualmente si scoprirà che questi animaletti escono dalle uova in quantità assai minori a temperature inferiori ai 15 gradi centigradi. Neppure l’agricoltura ama i bruchi.

Eppure il percorso espositivo di “bye bye butterfly” spiega che, senza di essi, non sarebbe possibile l’esistenza di vari animali utili all’uomo. Per esempio, da quando i bruchi sono stati fortemente decimati, stanno via via scomparendo molte specie di uccelli canori che si nutrono di insetti e, naturalmente, numerose varietà di farfalle.

Infine, la proiezione di alcuni filmati offre uno sguardo nella metamorfosi della farfalla, la sua trasformazione da bruco in adulto – un evento che, con la sua valenza simbolica, ha sempre stupito e affascinato l’essere umano. Con un po’ di fortuna e pazienza, è possibile assistere dal vivo al prezioso momento, quando dalle crisalidi di farfalle del terrario tropicale escono dei magnifici esemplari: proprio in tempo per l’apertura della mostra si schiuderanno le prime atlanti.

La mostra è visitabile fino a fine aprile 2017 tutti i giorni, tranne il lunedì, il 25 dicembre e il 1° gennaio, dalle ore 10 alle 18. Venerdì 25 novembre, dalle ore 16 all’una di notte, anche questo museo (come tutti i nove musei bolzanini) offrirà programma speciale a ingresso libero in occasione della 15ma Lunga notte dei musei di Bolzano.

Info: Museo di Scienze  0471- 412975.
www.giornalesentire.it - 2016
 

Ambiente

Ambiente

colore_rosso.jpg 185x190.gif google_1.png banner_hotel.jpg