Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Arte e cultura

Antonello da Messina, Ritratto d'artista

Antonello da Messina, Ritratto d'artista1-Antonello_da_Messina_-_Ritratto_di_giovane_gentiluomo_1470-74._Cat159.jpg
la sua fu arte sublime

Il 14 febbraio del 1479 Antonello da Messina faceva testamento, due mesi prima di morire. Finiva una carriera artistica di straordinaria rilevanza, entro cui si condensarono con  coerenza e intensità diverse matrici culturali che si intrecciavano nel Mediterraneo nel XV secolo.

La vicenda biografica di Antonello da Messina è stata oggetto, nel corso dei secoli, di ricostruzioni biografiche contraddittorie e talora piuttosto fantasiose. Nato plausibilmente attorno al 1431, frequenta il vivace clima culturale della corte aragonese di Napoli, allora una delle culle della civiltà del Mediterraneo e città ove operava il pittore Colantonio, nella cui bottega apprende i primi rudimenti dell’arte,tra opere catalane e provenzali e capolavori nordici come il Trittico Lomellini di Jan Van Eyck.

L’esordio di Antonello è nell’enigmatico Ritratto d’uomo di Cefalù, ma è il soggiorno veneziano, datato 1475-1476, a segnare un definitivo punto di non-ritorno per la carriera artistica del siciliano e per la storia dell’arte italiana del Quattrocento.

E’ l’incontro tra l’arte di Antonello e l’ambiente figurativo veneziano, rappresentato in primis da Giovanni Bellini, a creare le premesse di capolavori assoluti con ritratti quali il cosiddetto Condottiero del Louvre o i ritratti virili conservati alla National Gallery di Londra e alla Galleria Borghese di Roma, ove le caratteristiche tipicamente fiamminghe della posa di tre quarti, il diaframma del parapetto a segnare la separazione tra effigiato e spettatore, il trompe-l’oeil del cartellino, il fondo scuro, si coniugano a una resa del dato psicologico inedita e rivoluzionaria per acutezza di penetrazione.

Commissioni di prestigio e un’incalzante serie di stupefacenti capolavori, vede lo sviluppo del tema dell’Ecce Homo, opere di fortissima intensità emotiva e l’Annunciata di Palermo ove una fanciulla, chiusa nel proprio manto, ieratica e consapevole del suo ruolo nella storia dell’umanità racchiude uno sguardo eterno.

Le sue ultime opere furono il San Sebastiano di Dresda, commissionato in occasione di un’epidemia di peste, prova suprema di maestria prospettica nella resa del paesaggio urbano di Venezia, e la Pietà del Prado, realizzata a Messina: se ne scorgono edifici realmente esistenti sullo sfondo.


> La mostra del Mart di Rovereto

Arte e cultura

Arte e cultura

185x190.gif colore_rosso.jpg boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg google_1.png photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif