Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Attualità

Pronti i primi Family Angels

Pronti i primi Family Angelsgrigio-dida.jpguomo5.jpgfamily.jpguomo4.jpg
Strategie per il lavoro

31 marzo 2014 - Il rapporto 2013 del Censis afferma che 2 milioni e 600 mila famiglie in Italia (il 10,5% della popolazione) si avvalgono di una persona che assiste a un familiare sia esso il figlio o l’anziano genitore.

Si stima che il collaboratore familiare sarà nei prossimi anni la maggior fonte di occupazione del Paese con 500 mila posto di lavoro in più entro il 2030. A offrire il panorama del lavoro di assistente nelle famiglie è stata Anna Michelini direttrice di Famiglia Materna e vicepresidente di DxD che con Andrea Benoni per DxD e Gianmario Gazzi dei servizi sociali di Comunità hanno relazionato sul progetto «Family Angels», presentando i risultati e la consegna degli attestati di frequenza alle quindici partecipanti.

L’assistenza familiare – ha spiegato Anna Michelini – è tra le occupazioni meno considerate nel mondo del lavoro per questo occorre far sì che questo profilo venga conosciuto e riconosciuto, anche perché il 27% rientra nel cosiddetto mercato nero e esiste una alta percentuale anche nella fascia grigia (solo qualche ora retribuita regolarmente). Parliamo di un settore che è lasciato in balia del passa parola tra domanda e offerta mentre sempre stando al rapporto Censis le famiglie alla domanda su cosa migliorare hanno messo al primo posto la qualificazione della figura di assistente esprimendo tutta la preoccupazione di lasciare il proprio bambino, l’anziano e le chiavi di casa in mano a persone che il più delle volte non hanno referenze. In sostanza non esiste alcun canale stabile tra domanda e offerta ed è qui che si inserisce il progetto Family Angels e anche la nuova iniziativa a cura della Comunità che si intitola «La rete per l’assistenza familiare».

Il progetto Family Angels  si è occupato di preparare e formare persone che intendono dedicarsi alle attività legate alla cura della casa e all’assistenza di persone, anziane, disabili, bambini ed è stato elaborato e realizzato dall'associazione di promozione sociale DxD e finanziato dalla Provincia sul bando delle pari opportunità tra uomo e donna per il 2013, con il partnerariato della Comunità della Vallagarina e  dei Comuni di Calliano, Isera, Nogaredo, Pomarolo, Vallarsa e Volano, in collaborazione con Famiglia Materna e cooperativa sociale Punto d'Approdo.

Le 15 donne che hanno partecipato a Family Angels (7 italiane  e 8 straniere soprattutto tra i 40 e i 50 anni) hanno effettuato un corso formativo con lezioni teoriche e pratiche sulla capacità di gestire la cura della casa (stiro e cucito), Il corso (24 ore in aula e in laboratorio, con lezioni teoriche e pratiche: capacità di gestire adeguatamente la cura della casa, gestione di prodotti presenti nella casa, conoscenza delle metodologie di lavoro; nutrizione e educazione alimentare)  si è chiuso con uno stage in famiglia per le iscritte che quindi hanno sperimentato un vero e proprio inserimento nelle famiglie, retribuito con voucher buoni lavoro di 10 euro lordi (7,50 netti). Sette donne delle 15 partecipanti hanno già trovato occupazione.

La soluzione sarebbe la creazione di un registro per mettere in comunica
zione la domanda con l’offerta. Sul sito di DxD c’è la possibilità di effettuare questo incrocio di dati in modo tale che si possa trovare il punto di incontro tra le esigenze delle famiglie di avere servizi flessibili e professionali e le tante donne in ricerca di lavoro quale forma di integrazione del proprio reddito. Si profila anche l'apertura di sportello informativi dove gli elenchi tra chi cerca occupazione saranno a disposizione delle famiglie che avranno la garanzia di ricevere personale formato allo scopo.

E c'è un dato interessante: anche gli uomini aspirano ad un lavoro da colf. I tempi son proprio cambiati. "Nei primi giorni di ottobre in poche ore di passa parola si sono presentate numerosissime donne ma anche uomini disponibili a intraprendere uno percorso di formazione. Persone di tutte l’età, cittadinanze, estrazioni sociali e residenti nel territorio della Vallagarina" afferma  Rosaria D'Agostino, presidente dell'Associazione DxD, che al termine dell’incontro ha consegnato alle donne che hanno partecipato al progetto gli attestati di frequenza.

"Purtroppo non è stato possibile accogliere le vaste richieste pervenute dai diversi canali: Comunità di Valle, Comuni, enti e organizzazioni del terzo settore; quasi tutti i giorni mi chiamano ancora persone in cerca di formazione e di lavoro" aggiunge D'Agostino.

Tra le competenze e gli obiettivi del corso figuravano anche mansioni di puericultura con l’accudimento del bambino nella prima infanzia, i bisogni del bambino nelle diverse fasi evolutive; ed inoltre la geriatria, con le patologie più frequenti nell’anziano; aspetti assistenziali per l’anziano, auto-sufficiente e non autosufficiente, settore che in futuro darà occasioni di nuovi posti di lavoro, dato l'invecchiamento della nostra società.

Un progetto che trova riscontro e primo applicazione in un progetto per creare una rete assistenziale per le famiglie come ha annunciato al termine dell'incontro l’Assessore di Comunità per i servizi sociali Paola Dorigotti.

Attualità

Attualità

185x190.gif colore_rosso.jpg google_1.png boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif