Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Ambiente

Trentino: il Bike-sharing tra App e abbonamenti short

Trentino: il Bike-sharing tra App e abbonamenti shortDP_052085.jpgDP_052087.jpgtrento-bike-sharing.jpg
mobilitą sostenibile

Favorire lo sviluppo della mobilità alternativa significa investire nei servizi pubblici oppure in sistemi alternativi e...a due ruote ecologicamente azionate. Cosa c'è di meglio di due gambe e di una bicicletta? Tanta salute  e meno emissioni.

L'ultima novità del servizio di Bikesharing "Trentino e.motion" ? si possono acquistare abbonamenti da 24 o 48 ore direttamente con lo smartphone, scaricando l'applicazione "Bicincittà", registrandosi e pagando con carta di credito.

L'iniziativa è stata pensata per incentivare all'uso del servizio di Bikesharing anche coloro che non intendono sottoscrivere un abbonamento annuale; peraltro sono circa 1500 gli abbonati. L'acquisto avviene scaricando l'apposita applicazione "Bicincittà", gratuita e disponibile sia per Android che per iOS, e registrandosi; è possibile acquistare gli abbonamenti di breve durata, pagando con carta di credito. Anche lo sgancio della bici può avvenire utilizzando direttamente lo Smartphone.

In particolare gli abbonamenti acquistabili sono:
- giornaliero, al costo di 8 euro (comprensivo di 4 ore di utilizzo anche non consecutive);
- per 48 ore, al costo di 13 euro (comprensivo di 8 ore di utilizzo anche non consecutive).
Con l'App "Bicincittà" è inoltre possibile conoscere la postazione di bike sharing più vicina, prelevare una bici direttamente con lo Smartphone, senza tessera, visualizzare in tempo reale il numero di bici disponibili e di posti liberi, utilizzare la navigazione satellitare per recarsi alla postazione più vicina. Oggi sono 41 le stazioni - 17 a Trento, 17 a Rovereto e 7 a Pergine Valsugana – con circa 200 bici disponibili, tra elettriche e city bike

E' intanto stata attivata la APP, disponibile informato IOS e Android, che non solo permette all'utente di avere sempre sotto mano le informazioni in tempo reale sul servizio e di avere un facile navigatore che consenta di essere guidati sino alla stazione di bike sharing desiderata, ma anche di acquistare l’abbonamento "turistico" del servizio di bike sharing pagando con carta di credito e prelevare una bicicletta direttamente con lo smartphone.

Nelle 39 le stazioni di biciclette bisogna restituire la bicicletta sul territorio del Comune dove è stata prelevata. Le biciclette a pedalata assistita sono facili da usare e grazie al motore da 250 W permettono di ridurre virtualmente le pendenze, dando la sensazione di pedalare in pianura anche quando si stanno risalendo brevi tratti di strada con pendenze fino al 10%, l'autonomia dichiarata è di circa 50 km. Tutte le stazioni e i punti di ricarica saranno poi in rete, quindi sarà possibile prelevare un mezzo da una stazione e restituirlo in un'altra, purché lo si faccia all'interno dello stesso Comune.

Il progetto e-motion mira a salvaguardare le città dall’inquinamento, concorrendo a ridurre il traffico, l'inquinamento acustico e l'emissione di gas serra, per migliorare la qualità della vita e renderla più a misura d’uomo, attraverso l’uso di forme di trasporto attivo a basso impatto ambientale. Nella mobilità sostenibile, quella elettrica rappresenta una delle alternative più funzionali per la tutela dell’ambiente e l'utilizzo della bicicletta per i piccoli spostamenti quotidiani è sicuramente il più economico, ecologico e salutare, oltre ad essere in costante crescita.

14 ottbre 2016


 

Ambiente

Ambiente

colore_rosso.jpg banner_hotel.jpg