Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Persone e idee

Carlo Belli: ''Cara Amica ti scrivo...''

Carlo Belli: ''Cara Amica ti scrivo...''dida.jpgCirpriani_2.jpgdida-001.jpgCirpriani_29.jpgdida-002.jpgCirpriani_30.jpgdida-003.jpgIsabella_Fantoni_15.jpg
intervista a Isabella Fantoni

 di Corona Perer - Carlo Belli pensava, studiava, incontrava, discuteva, disegnava. Tra le sue opere pittoriche si va dal contenuto metafisico ad esercizi “di maniera” in cui gioca col tratto di un Modigliani, di De Chirico o di un Klee. Ritratti di personaggi noti (come Cocteau o Nenni) e di illustri sconosciuti: dal pastore alla signorina borghese, per non parlare delle caricature e vignette. L’intellettuale roveretano era vivace, la sua produzione artistica variegata. Nato a Rovereto nel 1903 e morto a Roma nel 1991, questa singolare figura di intellettuale-giornalista fu tra i principali referenti per l’Astrattismo in Europa. Il testo “Kn” , nel quale troviamo la sua riflessione teorica, verrà definito da Kandinskji “il vangelo dell’arte astratta”.
Belli ebbe a scrivere che “l’arte è il segno dello spirito delle opere umane” perchè coglie e trasfigura la civiltà “e ce la tramanda in documenti tali da suscitare stupore e meraviglia”.
Era attratto dal passato come dal futuro. Militava nel Futurismo con Marinetti e Depero, ma restava incantato di fronte ai racconti di Paolo Orsi sulle sue campagne di scavo in Sicilia e Magna Grecia. Il Belli giornalista-scrittore, era anche musicista, pittore ed archeologo. Con Orsi, da lui ribattezzato “il Gran Vecchio”, aveva coltivato un'amicizia che periodicamente si riannodava quando ...


Inserire la password
fornita tramite l'abbonamento:



Persone e idee

Persone e idee

Isgr.jpg colore_rosso.jpg DECENNALE.jpg