Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Arte e cultura

Omaggio a Carlo Scarpa

Omaggio a Carlo Scarpacarlo-scarpa.jpgquesta_qui.jpgberengo_gardin_08.jpgquesta_finale.jpgcarlo_scarpa_giornale_sentire.jpg
Storie d'arte

"Carol Bove ⁄ Carlo Scarpa" presenta due storie, due visioni. Sperimentazione americana e pensiero neo-classico si danno dunque la mano. L'artista americana lo fa con grande garbo, quasi in punta di piedi.

Carol Bove (< nella foto a fianco di Giornale SENTIRE)  è nata nel 1971 a  Ginevra. Vive e lavora a Brooklyn, molti suoi lavori - malgrado la giovane età - sono stati esposti in numerose e importanti mostre internazionali, tra cui dOCUMENTA (13) a Kassel nel 2012, la 54ª Biennale di Venezia nel 2011. Per High Line Art, Bove ha creato Caterpillar, una serie di sculture di grandi dimensioni collocate in un tratto abbandonato dei cantieri ferroviari di Manhattan. Bove ha esposto al Museum of Modern Art di New York, al Palais de Tokyo di Parigi (2010), alla Horticultural Society di New York (2009), al Blanton Museum of Art di Austin in Texas (2006), alla Kunsthalle di Zurigo, all’Institute of Contemporary Art di Boston (entrambi nel 2004) e al Kunstverein di Amburgo (2003). Quella a Museion è la più grande mostra istituzionale dell’artista americana in Europa negli ultimi dieci anni.

A Carlo Scarpa  (1906-1978), la critica riconobbe la capacità di elaborare progetti e interventi in contesti antichi e di valore, grazie alla sua bravura nel leggere il contesto architettonico preesistente. Lavorò nel e "sul" costruito come facevano i grandi architetti del passato, da Palladio al Bramante, da Brunelleschi al Borromini. La sua fu quindi un'architettura controcorrente rispetto ai movimenti dei suoi giorni. Era invece nato a Venezia nel 1906. La prima infanzia si svolge nella Vicenza del Palladio. Mentre ancora studiava all'Accademia di Belle Arti ottenne il primo incarico professionale iniziando a collaborare come progettista con alcuni vetrai di Murano. Dopo il diploma (1926) e la docenza nel neonato Istituto Superiore di Architettura di Venezia lavorò per le vetreria artistiche di Murano più prestigiose (tra cui la Venini della quale fu direttore artistico fino al '46).

Già impegnato come designer di arredamenti, partecipò al dibattito culturale veneziano  con intellettuali del calibro di Giuseppe Ungaretti, Carlo Carrà, Arturo Martini e Felice Casorati.  Aveva trent'anni quando, tra il 1935 e il 1937, realizzò la prima opera impegnativa, ovvero la sistemazione di Ca' Foscari di Venezia, sede dell'Università, a cui mise mano anche successivamente. Fu uno dei più innovativi restauri del periodo: Scarpa si confrontò con la lezione di Le Corbusier e Frank Lloyd Wright.

Carlo Scarpa è figura assolutamente di rilievo nella storia dell'architettura italiana. E' universalmente riconosciuto come uno degli architetti più importanti del Ventesimo secolo. A parte le commissioni private e residenziali, Scarpa è conosciuto per avere radicalmente rinnovato e ridisegnato alcuni importanti musei municipali italiani, tra cui l’Accademia e il Museo Correr di Venezia, Palazzo Abatellis di Palermo e il Museo di Castelvecchio di Verona.

Meno conosciuti, ma altrettanto importanti i suoi progetti per mostre ed esposizioni temporanee, come quella delle opere di Piet Mondrian alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma (1956), Frescoes from Florence alla Hayward Gallery di Londra (1969) e una serie di display e incarichi di tipo architettonico per la Biennale di Venezia. Scarpa vinse numerosi premi, tra cui il Premio nazionale Olivetti per l’architettura (1956) e la Medaglia ai benemeriti della cultura e dell’arte (1977)

Non si fermò mai dal progettare, nemmeno durante la seconda guerra mondiale. Di rilievo fu anche la realizzazione del Padiglione del Libro nei giardini della Biennale all'inizio degli anni cinquanta. Anche in quel caso il pensiero andò a Frank Lloyd Wright che incontrò di persona in quel periodo.

Tre anni dopo aver realizzato la famosa Villa Zoppas a Conegliano, ottenne il Premio Nazionale Olivetti per l'architettura (1956) e la stessa azienda gli commissionò uno spazio espositivo Olivetti in piazza San Marco a Venezia. La sua professione fu fonte di croce e delizie. Incappò infatti nell'invidia dei colleghi: fu accusato dall'Ordine degli Architetti di esercitare la professione illegalmente in quanto privo di laurea e quindi portato in tribunale. Mise fine alla diatriba la  laurea honoris causa in architettura che  nel 1978 gli fu conferita dall'Istituto Universitario di Architettura di Venezia. Non potè partecipare alla cerimonia di consegna per un brutto scherzo del destino: il 28 novembre morì in Giappone a causa di un incidente: scendendo la scala dell'albergo di Sendai, che portava ai negozi del sottosuolo, cadde e successivamente morì in ospedale per le conseguenze del colpo alla testa. Quel giorno - raccontò chi gli era stato vicino - non voleva affatto uscire. Ma lo fece ugualmente: andando incontro al suo destino.
Corona Perer 30/10/2014


 

LEGGI ANCHE
> La recensione della mostra - di Corona Perer
> visita il sito di MUSEION

Arte e cultura

Arte e cultura

colore_rosso.jpg boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif