Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Attualitą

Teatro e carcere nel segno di Ulisse

Teatro e carcere nel segno di Ulissebekim-fehmiu-l-ulisse-venuto-dai-balcani_.jpg1-odissea.jpg1-odissea08.jpg
Angela Pagani

Sperimentazione teatrale al carcere di Trento: un laboratorio di teatro, musica e arte che da marzo a giugno ha coinvolto una ventina di detenuti della Casa Circondariale di Trento, è sfociato in uno spettacolo teatrale ispirato al libro quinto dell’Odissea.

L'iniziativa ha permesso un piccolo miracolo tra storia e contemporaneità: le storie di Fari, Aziz, Zidi, Said, Maher, Bilal, Jawad, Issam, Dahbi, Mahdi, Diop, Angelo, Mokdad, Adem, Ghanmi e Simone  si sono intrecciate con quelle di Ulisse. E dietro la zattera, il viaggio, il ritorno tante metafore di vite che possono perdersi ma anche ricominciare.

Ne è venuto un testo teatrale originale che, con musica, canti e danza, andato in scena nel 2013 nel teatro della Casa Circondariale.

Gli attori si sono calati nella storia di Ulisse che lascia la ninfa Calipso e riprende il mare a bordo di una zattera per tornare finalmente a casa. Dopo un viaggio tranquillo di alcuni giorni lo vede il suo nemico Poseidone, che scatena una tempesta. L’eroe omerico naufraga, ma una dea gli offre un velo che lo salva.

Aiutati nel loro lavoro da Amedeo Savoia (drammaturgia e regia), da Nicola Straffelini (musica), da Emilio Picone (scenografia), da Francesco Rubino (documentazione) e da Luigi Sansoni (assistenza tecnica) hanno portato a termine il loro laboratorio che ha coinvolto oltre cinquecento studenti delle scuole superiori della provincia di Trento.

Un progetto che è culminato anche in alcuni incontri con Fabio Cavalli, regista teatrale attivo da molti anni nel carcere di Rebibbia e coautore di "Cesare deve morire" il film dei fratelli Taviani girato coi detenuti della sezione di massima sicurezza della casa di reclusione romana e vincitore dell’Orso d’Oro al Festival di Berlino.

Il progetto è stato promosso dall’associazione il Gioco degli Specchi e da Iprase in collaborazione con la Direzione della Casa Circondariale di Trento, il Dipartimento della Conoscenza della Provincia autonoma di Trento, l’associazione di musica contemporanea Quadrivium e il liceo Leonardo da Vinci.






> le immagini di questa pagina sono tratte
dall'indimenticabile interpretazione televisiva
dell'attore albanese Bekim Fehmiu
scomparso di recente

Attualitą

Attualitą

colore_rosso.jpg boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif