Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Viaggi

Castro, l'approdo di Enea e la casa di Minerva

Castro, l'approdo di Enea e la casa di Minervarocca_di_castro_5.jpgrocca_di_castro_30.jpg_DSF4429-001.jpgrocca_di_castro_2.jpgrocca_di_castro_27.jpgrocca_di_castro_43.jpg
di Corona Perer

Nella costa adriatica tra Otranto e Leuca, c'è un gioiello: Castro. Oltre al mare per cui è noto è oggi una delle aree di maggiore interesse archeologico della Puglia. Sin dagli scavi condotti nel 1980 dalla Soprintendenza per i Beni archeologici della Puglia, si è rivelato essere centro di antiche civiltà (era abitata già nell'età del Ferro) ma negli anni le indagini sono proseguite e confermano quello che il poeta Virgilio afferma nell' Eneide  quando nel terzo libro colloca il primo approdo di Enea in Italia proprio nella Castrum Minervae, di fronte a Butroto nell' Epiro. Nei suoi versi si legge "...le brezze bramate crescono ed ormai più vicino si apre il porto e sulla rocca appare il tempio di Minerva".  Il poeta raccontava quanto Enea stava vedendo. Partito dopo la distruzione di Troia, aveva attraversato l'Adriatico da Butrinto fino a Castro.

Il porto stando alla descrizione era dominato da un alto promontorio alla sommità del quale si ergeva il maestoso tempio consacrato alla dea Minerva. Nel 2000 grazie al protocollo di intesa tra il Comune di Castro e la Soprintendenza per i Beni archeologici della Puglia con l'Università del Salento sono state avviate indagini archeologiche sistematiche a cura dell'equipe diretta dal professor Francesco D'Andria e il territorio di Castro ha restituito con generosità reperti importantissimi sia dell'era preistorica che dell'era ellenica e arcaica.

Ma la collina sulla quale sorge Castro, in zona Capanne custodiva un altro tesoro: il busto in pietra di Minerva ritrovato nel corso di questa estate, frutto paziente di una campagna di scavi avviata nel 2007 a ridosso della porta est delle Mura dove è stata individuata un' area di culto.

Del tutto casualmente nel 2007 venne rinvenuto tra i materiali votivi il piccolo bronzetto di Atena che ha confermato l'ipotesi dell'esistenza di un santuario.  Il professore Francesco D'Andria lo diceva ormai da anni. "La Castrum Minervae di cui parla Virgilio nel III libro dell'Eneide è proprio Castro". Dopo il fortuito ritrovamento del 2007 gli scavi dell'estate 2015 lgli hanno dato ragione quando l'equipe vide affiorare un colossale busto celato sotto un ristretto anfratto di pietra con accanto alcuni frammenti del tempio.

“Siamo al centro del Mediterraneo”, spiega il professore D’Andria, “e Castro era un emporio con un importante porto dove avvenivano scambi commerciali e culturali all’ombra del grande tempio dedicato alla Dea Minerva, che venne realizzato dai Tarantini in terra messapica. Il Tempio stava a proteggere i trattati commerciali e i contratti, ma è anche l’affermazione della potenza di Taranto. Infatti, sebbene non sia stato ancora ritrovato il capo,  la Dea Minerva è una dea con il cappello frigio come del resto viene raffigurata nella statuina in bronzo, alta poco più di dieci centimetri, che abbiamo recuperato nel 2008. Quello che scrive Virgilio nell’Eneide è tutto inventato: serviva per dare nobili origini alla fondazione di Roma. Ma Virgilio come il resto del mondo antico conosceva Castro e la descrive con versi di elevata elegia nell’Eneide”.

Il tempio sorgeva sull’acropoli di Castro che i compagni di Enea vedevano dal mare. Questo eccezionale ritrovamento è avvenuto quasi per caso: si scavava per le condutture della fogna, quando emersero antichi reperti. I lavori, grazie anche al’intervento di Luigi Capraro, allora assessore e archeologo allievo di D’Andria, furono subito bloccati con l’apertura del cantiere di scavo che ha riportato alla luce le più alte mura delle città messapiche giunte in perfetto stato di conservazione fino a noi. La Statua della Dea è stata ritrovata coperta da lastroni, come se a lei fosse stata dedicata una sepoltura da parte di chi voleva disfarsene, ma non voleva distruggerla per un certo timore reverenziale.

“Quando abbiamo trovato la statua, abbiamo toccato il cielo con un dito”, raccontano Emanuele Ciullo e Amedeo, i giovani archeologi che lavorano sul cantiere di cui il professore D’Andria è responsabile scientifico.

E' alta un metro e dieci, avvolta nella sua veste a pieghe con grandi seni (fatto inconsueto per una Dea come lei). Non ha testa e dalla posizione delle braccia se ne intuisce il gesto, ma il professore DAndria è convinto: si riuscirà a trovarne il capo.
"Venne sepolta in età tardo repubblicana sotto un lastrone di pietra dove è stata ritrovata" spiega la dottoressa Laura Masiello, della Sovrintendenza Beni archeologici della Puglia. "Come se chi lo avesse fatto non avesse intenzione di distruggere la statua, ma provasse ancora un profondo senso di rispetto verso la Divinità".

I frammenti del tempio sono decorati con motivi floreali simili a quelli che adornano i vasi attici nel museo di Brindisi. Queste importanti scoperte archeologiche arricchiscono un'area che è baciata da un mare cristallino Bandiera Blu e meta degli amanti della Grotta Zinzulusa.
"Il turismo culturale è una grande leva per destagionalizzare il Salento" affermano gli amministratori locali che alla campagna di scavi stanno dando la giusta e dovuta attenzione anche con l'attività museale della rocca di castro, una fortezza maestosa che oggi custodisce il bronzetto e in una sala accessibile a pochi anche il recentissimo reperto che ha avuto l'attenzione dei media internazionali.
Corona Perer, novembre 2015

 

 

 



> Puglia archeologica
> dove mangiare:
Ristorante La Grotta del Conte
Via Duca del Mare, Castro

Viaggi

Viaggi

banner.jpg 185x190.gif colore_rosso.jpg banner_gusti.jpg viaggio_2.jpg banner_hotel.jpg logoViaggiareSicuri.jpg