Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Salute

La moda pericolosa dell'anoressia da aperitivo

La moda pericolosa dell'anoressia da aperitivohappyhour.jpgusa_questa-002.jpghappy-hour-001.jpg
Fenomeno ''drunkoressia''

Nuovo allarme per gli adolescenti nel campo dei disordini alimentari: la drunkoressia, che scatta in vista di serate scandite da file di bicchierini di superalcolici bevuti quasi a stomaco vuoto, o dopo avere preso qualcosa dal buffet dell'aperitivo, solo acqua e sigarette per tenersi in piedi fino alle 7 di sera, ora in cui scatta l'abbuffata alcolica.

Questo termine, inventato dai giornalisti del “New York Times” ma ancora non riconosciuto dalla medicina ufficiale, indica un nuovo anomalo e pericoloso comportamento alimentare diffuso fra le adolescenti: mangiare poco fino ad arrivare anche a digiunare per poter assumere forti quantità di alcolici.
Lo scopo di tale comportamento è duplice:  dimagrire anzitutto, inoltre l’alcol, disinibente e facilitatore dei rapporti sociali, fa in modo che si venga accettati più facilmente  dal gruppo dei pari, in particolare dai maschi la cui assunzione di alcolici è legata al divertimento ed alle emozioni.

La drunkoressia viene considerata una forma dell'anoressia: si rinuncia al cibo per poter bere maggiormente, in quanto assumere alcolici significa assumere calorie. La volontà di dimagrire però non è fine a sé stessa come nell'anoressia classica, ma è strumentale all'assunzione di alcol.

La drunkoressia per questo viene chiamata anche anoressia da happy hour, va avanti a digiuni e "shottini". E le conseguenze sono quelle dell'anoressia: pericolosa perdita di peso e scomparsa del ciclo mestruale, cui si aggiungono i danni dell'acool al fegato.

Ad oggi la percezione del rischio legato a questo tipo di comportamento alimentare è ancora piuttosto sottovalutato: coperto dalla moda, dal desiderio di divertirsi e, come sempre, di far parte di qualcosa. Anche se dovesse durare giusto il tempo di un aperitivo.

Le ragazze possono non riuscire ad assumere alcolici quando hanno cibo nello stomaco, quindi digiunare è necessario per poter bere. Nell'anoressia per continuare a dimagrire è necessario mettere in atto altri comportamenti quali: autoinduzione del vomito, uso di lassativi, logorante attività fisica. Al contrario l'assunzione di alcol, grazie alla relativo introito di zuccheri, procura un senso di sazietà che permette di non avvertire la fame.

Assumere alcolici è però solo una motivazione iniziale. Successivamente la motivazione “drunkoressica” diventa motivazione “anoressica” in quanto dimagrire diventa lo scopo principale e ci si esalta dalla consapevolezza di poter vincere la fame.

I rischi della drunkoressia sono gli stessi dell'anoressia: osteoporosi, alterazioni cardiache, amenorrea. A quest'ultimi si aggiungono quelli derivanti dal consumo di alcolici, specie se a digiuno: neuropatie, tremori, danni al fegato ed al cervello col tempo. Questa sintomatologia e acuita nel sesso femminile perché tende ad espellere l'alcol più lentamente del sesso maschile. In entrambi i sessi sono presenti tutte le conseguenze dell'assunzione di alcol in età adolescenziale quando lo sviluppo psicofisico è particolarmente vulnerabile.

Nel momento in cui la drunkoressia raggiunge livelli d'allarme è necessario intervenire come con l'anoressia: terapia di nutrizione, psicoterapie individuali e di gruppo, eventuali assunzioni di farmaci quando l'alcol è diventata una vera e propria dipendenza. Per attuare tutto ciò potrebbe rendersi necessario rivolgersi ad un centro per i disturbi del comportamento alimentare.
Importante è la prevenzione:educare gli adolescenti alle conseguenze di un uso smodato di alcolici;combattere la cultura dello “sballo”, vale a dire divertimento possibile solo se associato a comportamenti trasgressivi.


Testo realizzato in collaborazione con il
Centro Disturbi Alimentari di Trento
referente: dr. Aldo Genovese

Salute

Salute

colore_rosso.jpg banner_hotel.jpg