Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Persone e idee

Seguso, maestri vetrai da 23 generazioni

Seguso, maestri vetrai da 23 generazioni1-SVA_coppaguggenheim.jpg1-AntonioSegusoefigli.jpg
Corona Perer

Alle nozze del duca di Spoleto (era il 1939) il servizio a tavola e le decorazioni furono predisposte per l'occasione da loro: i Seguso.

E' la più antica fra le dinastie muranesi di arte vetraria: la famiglia dei vetrai Seguso conta oggi la 23^ generazione. I primi documenti della loro presenza come vetrai risalgono infatti al 1397 e oggi a portare avanti la bottega del grande Archimede sono i nipoti Gianluca e Pierpaolo, figli di Giampaolo che dal capostipite aveva ricevuto l'eredità a metà del '900 un'eredità antica che è stata fonte di inesauribile ispirazione per molti artisti contemporanei.

Ma la storia affonda a piene mani nel secolo di Giotto quando i primi oggetti in vetro di Murano appaiono proprio sui dipinti del grande pittore.

La più antica testimonianza di un Seguso vetraio a Murano esiste. Come si possa affermarlo è semplice: Antonio, Filux Segusi, è citato come testimone in una vertenza di fornaci e se Tiziano e Caravaggio dipingono bicchieri e caraffe anche quelli son prodotti usciti da Murano.

La prima consacrazione si ha nel giro di due secoli quando nel 1605 il nome dei Seguso viene iscritto nel libro d'Oro di Venezia.

Con un balzo di tre secoli si arriva ad Archimede, nato nel 1909, una delle figure più importanti dell'arte vetraria del XX secolo. Anche oggi la famiglia è...


Inserire la password
fornita tramite l'abbonamento:



Persone e idee

Persone e idee

Isgr.jpg colore_rosso.jpg DECENNALE.jpg