Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Viaggi

Un'idea per il 2017? Vacanze in un faro

Un'idea per il 2017? Vacanze in un faroFaro-di-Punta-Cavazzi-Ustica.jpgvacanza_in_un_faro.jpgcapogrosso-700x434.jpg
progetto Valore Paese-Fari

Un'idea per il 2017: cercare un faro e andarci in vacanza. Sì perchè, fare di un Faro (...e scusate la formula cacofonica) un hotel di charme o magari un ostello è ormai di moda. Persino una cella monacale diventa straordinaria dentro un faro.

E' quanto si apprestano a programmare l’agenzia del Demanio e il ministero della Difesa, che hanno lanciato ufficialmente l’operazione Valore Paese-Fari, rendendo nota la lista degli 11 fari che saranno dati in concessione a privati, per essere trasformati in strutture ricettive.


< Faro di Brucoli


Le concessioni potranno avere lunga durata, fino a 50 anni, a fronte di progetti turistici con potenziale economico per tutto il territorio, in una logica di partenariato pubblico-privato, come ha spiegato il direttore dell’Agenzia del Demanio, Roberto Reggi, a beneficio di tutta la collettività. I fari possono diventare anche residenze per fini religiosi o spirituali: cioè eremitaggi.


< Faro di Punta Cavazzi a Ustica

 

Nella lista dei fari in dismissione sono inclusi il Faro di Brucoli e di Murro di Porco (Siracusa), quello di Capo Grosso nell’Isola di Levanzo (Trapani), di Punta Cavazzi a Ustica, di Capo d’Orso a Maiori (Salerno), di Faro di Punta Imperatore a Forio d’Ischia (Napoli) e a quello di San Domino alle Isole Tremiti (Foggia). A questi si aggiungono 4 fari messi a disposizione dal ministero della Difesa, due sull’Isola del Giglio, Punta del Fenaio e Capel Rosso, uno alle Isole Formiche (Grosseto) e quello di Capo Rizzuto (Crotone).

La prima fase dell’operazione prevede una fase di consultazione pubblica, che si chiuderà il 10 agosto prossimo, per poi passare alle gare per la concessione cinquantennale delle strutture, che saranno chiuse a inizio 2016.

 L’agenzia stima un ritorno economico tra i 700 e gli 800mila euro all’anno proveniente dai canoni concessori: fino a oggi,  un’operazione analoga è stata sperimentata solo per Capo Spartivento, in Sardegna, trasformato in resort di lusso, per cui il Demanio incassa un canone di concessione di 100.000 euro l’anno.

www.giornalesentire.it - 2017

 

Viaggi

Viaggi

DECENNALE.jpg banner.jpg colore_rosso.jpg banner_gusti.jpg banner.jpg logoViaggiareSicuri.jpg