Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Viaggi

Una Sky Spa sul tetto per l'Hotel Terme Merano

Una Sky Spa sul tetto per l'Hotel Terme Merano30._Palm_Lounge.jpg28._lounge.jpg25._tunnel_di_collegamento.jpg9._pool_interno.jpg40._Camera_Superior.jpgHotel_Terme_Merano_17.jpghotel_terme_merano_sky_spa.jpgSKY-SPA-Hotel-Terme-Merano-.jpg
Visitati per voi

L’Hotel Terme Merano in questo momento è chiuso, ma sta lavoramdo e la data in cui riaprirà i battenti è stata fissata: 13 aprile 2017. Sta preparando una spa da urlo: sul tetto. Circa 100 operai si avvicendano in quello che possiamo  definire il cantiere più bello dell'Hotelerie italiana e il  taglio del nastro è ormai prossimo. Le maestranze lavorano in un terrazzo dalla vista mozzafiato sullo “Skyline” Meranese. Il nuovo centro benessere in legno e vetro, progettato dall’architetto di Bressanone Hugo Demetz, proporrà una serie di trattamenti internazionali basati sui 4 elementi aria,acqua, terra e fuoco in rapporto all’energia a cui lavorerà un team internazionale di esperti.

La nuova Sky SPA dell’Hotel Terme Merano è realizzata innalzando un quarto piano di 2.700m2 con una vista a 360° sul paesaggio alpino circostante. Ha ampie zone relax all’aperto, un giardino con palme, tre whirlpool all’aperto e l’Infinity-pool scoperta e riscaldata (36°C), lunga 22 metri e larga 7.6 metri con accesso interno ed esterno in ogni stagione dell’anno e con postazioni di micromassaggio. Inoltre ampia zona sauna, sala fitness e cabine per trattamenti benessere, il tutto con vista panoramica spettacolare.



< la straordinaria Palm Lounge con il bar
illuminato da un lampadario costruito con il palco
dei cervi, idea di Matteo Thun


 

Dunque offrirà emozioni uniche: nuotare volando sullo sguardo su Merano avendo a pochi passi i camminamenti diretti (al piano intererrato) per il quartiere termale. La proprietà dell'hotel ha lavorato con discrezione  e ne ha parlato solo...quando il progetto era avviato. Il che aggiunge Bello al Bello. All'interno l'hotel avvolge con le sue nuances calde ed eleganti, sulla metafora, sulle proporzioni e sull'essenzialità. E su una strana forma di minimalismo, che prende però le forme di un lusso discreto. Quasi un ossimoro nel linguaggio di un minimalista che esce dalla scuola di Sottsass.

I velluti rossi alla Luchino Visconti scelti da Matteo Thun, l'architetto designer meranese che venne chiamato nel 2000  a dare il suo tocco di classo al nascituro Hotel Terme Merano, danno all'ambiente un tocco di calore particolare che si riverbera poi nei corridoi dei tre piani superiori. Nella Palm Lounge e nella Lobby gli spazi aperti si abbracciano l'un l'altro. Sopra un immenso camino c'è la prima citazione: alla principessa Sissi ritratta in una bellissima tela omaggio a quella Mitteleuropa che fece di Merano la meta ambita in pieno Ottocento.

Il progetto dell'hotel-design nasce dunque nella mente di Matteo Thun, l'artefice di un successo planetario: quello degli orologi Swatch di cui è stato Art-Director dal 1990 al 1993. Uscito prima dalla Salzburg Academy (dove ha studiato con il pittore Oskar Kokoschka), e poi laureatosi a Firenze nel 1975 con l'architetto Adolfo Natalini, Thun inizia una grande stagione di design nel 1978 accanto a Ettore Sottsass con il quale nel 1981 è co-fondatore del Gruppo Memphis.
Professore della cattedra di Design all’Università di Arti Applicate a Vienna dal 1983 al 2000, nel 1984 fonda il proprio studio a Milano.  E' l'artefice di una neologismo: la sua è "Ecotecture" cioè ecologia applicata all'architettura come sfida allo sviluppo sostenibile. La sua matita lavora sempre per sottrarre e semplificare. Semplice è sinonimo di raffinato, essenziale. Il suo si chiama non a caso “zero” design.

Ecco che quando viene chiamato a disegnare l’Hotel Terme Merano pensa alla storia di Merano, che peraltro conosce bene, ma lo vuole innovativo e con linee pulite. Mette grande cura ai materiali tipici: il porfido per gli esterni, i velluti per gli interni, il legno, e poi pensa in modo "cromatico" disegnando linee essenziali dove è il colore a fare la differenza.
Nascono così più che spazi dei "luoghi" dove il cliente trova spazio per collocare se stesso: ed è proprio questo il segreto dell'Hotel Terme Merano che certamente si avvantaggia anche di una posizione straordinaria: è situato nel centro di Merano, gode di ampi spazi verdi e di un collegamento riservato ed esclusivo con le Terme di Merano alle quali il cliente arriva grazie ad un tunnel, in accappatoio.

Il rigore della facciata esterna, pienamente coerente con le vicine Terme, si integra armonicamente con l’architettura meranese di origine ottocentesca che occhieggia dal vicino boulevard sul Passirio.
Assolutamente straordinario il lampadario realizzato con i palchi di numerosi cervi. Circola una leggenda: che tra questi ci siano anche trofei di caccia dell'ex presidente della Provincia Louis Durnwalder ma la direzione dell'hotel si appresta a precisare: "I cervi perdono il loro palco ogni anno alla fine della stagione degli amori: nessun animale è morto per questo lampadario" ci spiega il direttore Rudi Theiner.

Il lampadario è perfettamente coerente con la bellissima tela posta sopra il gigantesco camino: una re-interpretazione del mondo di Sissi a cui fanno eco dal mezzanino sculture dorate di altri cervi questa volta posti a metafora del mondo della caccia, un bel contrasto con il bordeaux degli arredi (che evoca il lusso imperiale) e il verde mela che è tipicamente altoatesino. Gran parte dei complementi d’arredo sono stati disegnati appositamente per l’hotel, rendendolo un vero e proprio saggio di design contemporaneo.

E così basta entrarvi per sentirsi calati in un'atmosfera rilassante e avvolgente dove relax e benessere sono due parole d'ordine. Lo stile riecheggia nelle 115 camere e nelle 24 suite e nel centro benessere 5 Elements Spa (1.250 metri quadri con piscina interna ed esterna e saune). E siccome c'è un attrezzato centro congressi questo è anche uno degli hotel per riunioni dell’Alto Adige più richiesto per  eventi e congressi di un certo livello.
Quanto alla cucina...provare per credere:il ristorante gourmet “Olivi” con la sua cucina a vista vale almeno una serata a lume di candela. Ve lo raccontiamo in questa pagina parlandovi del suo chef: Karlheinz Falk che abbiamo intervistato.
www.giornalesentire.it -  (Corona Perer)


 

LEGGI

> Vita da Chef: Karlheinz Falk chef dell'Olivi
> info e prezzi: clicca qui
> info@hoteltermemerano.it

Viaggi

Viaggi

DECENNALE.jpg banner.jpg colore_rosso.jpg banner_gusti.jpg banner.jpg logoViaggiareSicuri.jpg