Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Scienza e ricerca

Semantic Web, terminato il raduno mondiale in Trentino

Semantic Web, terminato il raduno mondiale in Trentinosemantic_web_giornale_sentire_3.jpgsemantic_web_giornale_sentire_1.jpgpc.jpg
Investire nel futuro

24 ottobre 2014 - Oltre 600 esperti provenienti da 42 nazioni di tutto il mondo, 300 nuovi lavori di ricerca, 80 applicazioni tecnologiche innovative, 200 studenti che desiderano specializzarsi nel settore e 32 sponsor locali e internazionali. Sono questi i principali numeri di ISWC 2014 (International Semantic Web Conference), la conferenza mondiale sulla semantica del Web che quest’anno si è tenuta a Riva del Garda, in Trentino, dal 21 al 23 ottobre.

Dopo le scorse edizioni in città come Washington D.C., Shanghai, Bonn, Boston e Sidney, grazie alla proposta presentata dalla Fondazione Bruno Kessler (FBK) di Trento, nel 2014 è stato dunque il Trentino il protagonista dell’evento più importante del settore.

La candidatura per ospitare ISWC 2014 era stata presentata attraverso Luciano Serafini, responsabile dell’Unità di ricerca DKM (Data and Knowledge Management) e Chiara Ghidini, responsabile del progetto di ricerca SHELL (Shape & Evolve Living Knowledge), entrambi del Centro Communication and Information Technology della FBK. Il progetto ha avuto la meglio durante il competitivo processo di selezione gestito dalla Semantic Web Association grazie alla qualità della comunità scientifica sul Semantic Web presente in Trentino e a livello nazionale, alla capacità logistica della località gardesana e alle aziende che hanno fornito il proprio supporto alla conferenza.

 “Al Centro ICT della Fondazione Kessler – sottolinea il direttore Paolo Traverso – applichiamo le tecnologie della Semantica in casi molto pratici per progetti con il Comune di Trento, Rovereto e con il Consorzio dei Comuni Trentini, nel campo della mobilità, del welfare, della sicurezza. Portiamo le tecnologie dedicate alle Smart Cities sul territorio e al tempo stesso ci confrontiamo con il meglio della ricerca internazionale, come avviene in occasione delle conferenze ISWC dove convergono i principali esperti del settore”.

“L’aspetto più rilevante emerso da questa edizione della conferenza – sintetizza Luciano Serafini – è la possibilità di utilizzare l’enorme quantità di dati informatici per sviluppare applicazioni utili alla società. Durante il convegno si sono viste alcune applicazioni importanti in questa direzione, ad esempio per il monitoraggio del traffico e per la gestione degli edifici al fine di migliorare l’efficienza energetica”.

“ISWC 2014”, dichiara Chiara Ghidini, “ha ottenuto un altissimo livello di sponsor, da aziende internazionali come Yahoo, Google, IBM e molte altre, nonché da realtà locali come il Consorzio Semantic Valley, composto da società informatiche trentine che lavorano con le tecnologie semantiche”.

“L'idea alla base di questo settore – prosegue Serafini - è creare un Web composto di dati ben strutturati che permettono a sistemi automatici di rispondere in modo più preciso e sintetico alle richieste degli utenti e di scambiarsi informazioni senza che ne venga falsato il contenuto. Per realizzare il Semantic Web servono programmi informatici che permettono di generare automaticamente questi dati, interpretando in modo preciso e corretto le informazioni disponibili in Internet, come testi, tabelle, numeri, immagini e video.”

In programma durante le sessioni della conferenza, tenuta al Centro Congressi (Parco Lido) di Riva del Garda (TN), anche le relazioni di quattro esperti internazionali del settore: Prabhakar Raghavan, vicepresidente di Engineering Google, Yolanda Gil, direttrice della divisione Intelligent Systems all’ Università della Southern California, Sir Nigel Shadbolt, professore di Intelligenza Artificiale all’Università di Southampton, presidente e co-fondatore dell’ Open Data Institute e Paolo Traverso, direttore del Centro Information and Communication Technology della Fondazione Bruno Kessler di Trento.

Gli interventi di ISWC 2014 (tenuti in lingua inglese) sono stati registrati e saranno resi disponibili sul sito videolectures.net.

Nei due giorni precedenti la conferenza, sempre al Centro Congressi di Riva, si sono svolti workshop paralleli su argomenti specifici del settore e tutorial per giovani ricercatori.

“In programma”, aggiunge Serafini “ci sono stati anche momenti di promozione culturale del territorio, legati fra l’altro al centenario della prima guerra mondiale. Fra le iniziative, anche un’esibizione del Coro S. Ilario di Rovereto e un progetto con gli studenti del Liceo Andrea Maffei di Riva del Garda per la realizzazione di App dedicate alla Grande Guerra, in collaborazione con ricercatori e aziende locali”.


 
 

> Info su convegno e programma clicca qui
 

Scienza e ricerca

Scienza e ricerca

colore_rosso.jpg banner_GIF_Sentire.gif banner_hotel.jpg