Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Scienza e ricerca

Kepler 452B, il gemello della Terra

Kepler 452B, il gemello della Terra Kepler-telescopio.jpgVia_Lattea.jpg
Nasa: c'č un'altra Terra

(E.Luzza) - Già uno nel luglio 2014 si parlò di un pianeta gemello. Il  ''cacciatore di pianeti'' della Nasa, il telescopio spaziale Kepler lo aveva scovato nella Via Lattea e la rivista Science aveva pubblicato il suo identikit. Alla caccia aveva partecipato anche Elisa Quintana, dell'istituto Seti e del Centro di ricerche Ames della Nasa.

Poi, nel gennaio 2015 si parlò di altri 5 fratelli. Ora si sa che sarebbero almeno 12, ma Kepler 452B sarebbe il più simile di tutti a...noi. A fare lo storico annuncio, John Grunsfeld della Nasa.

La possibile 'nuova Terra' e' stata chiamata "Kepler 452B". Ha anni della stessa lunghezza che qui sulla Terra - ha spiegato Jon Jenkins, capo analista dei dati provenienti dal telescopio della Nasa - ed ha trascorso miliardi di anni intorno la zona 'abitabile' della sua stella" . Dunque potrebbe aver elaborato le condizioni per la vita.

 


< foto: il telescopio Kepler che lo ha
scovato e che ha dato nome al pianeta



"Kepler 452B - hanno spiegato ancora gli esperti - ha un'eta' di 6 miliardi di anni e riceve il 10% in piu' di energia dalla sua stella rispetto alla Terra". La sua dimensione e' compatibile con quella della Terra - ossia una volta e mezza il nostro globo - ed il suo sistema solare anche.

Un'altra dozzina di pianeti simili a questo gemello sarebbero stati individuati dal telescopio.  "Sono pianeti candidati simili", hanno spiegato gli esperti della Nasa. Dodici - specifica una nota - hanno diametri più grandi di una-due volte la Terra e orbitano attorno alle loro stelle, simili al sole, nella zona abitabile. Nove di questi hanno hanno stelle simili in dimensione e temperatura al nostro sole. L'habitat potrebbe in teoria ospitare acqua e quindi la vita. Un nuovo telescopio che seguirà le orme del lavoro fatto da Kepler - ora in pensione - verrà lanciato nel 2017. Suo scopo sarà cercare quali sono i pianeti più vicini oltre che simili alla terra.

Le possibilità di espatrio...ci sono, dunque.
24 luglio 2015



< la via Lattea

Scienza e ricerca

Scienza e ricerca

colore_rosso.jpg banner_GIF_Sentire.gif banner_hotel.jpg