Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Scatti d'autore

Senegal by Anna Da Sacco

Senegal by Anna Da Saccosenegal_13.jpgsenegal_1.jpgsenegal_15.jpgsenegal_10.jpg
Dal Senegal all'Europa

Il suo reportage sulla migrazione clandestina (tra i finalisti della seconda selezione del Leica contest) è stato realizzato in un angolo di mondo da dove si fugge: il Senegal.

Le coste senegalesi guardano l’oceano, l’immensa distesa di acqua che le separa dall’Europa, dalla ricchezza.

Pochi tra quelli che partono sanno cosa c’è davvero oltre il mare, nell’immaginario collettivo c’è l’Eldorado.

Si parte per cercare un’opportunità, il mezzo per sostenere la famiglia, per cambiare status. Sembra non esistere una famiglia senza un parente che abbia cercato di attraversare il mare. E alcuni ci riescono, ma non tutti.

C’è chi non arriva mai, chi arriva ma viene immediatamente rimpatriato, chi resta clandestino in qualche paese europeo.

Nel foto-reportage di Anna Da Sacco che partecipa al Leica Contest 2013 la fotografa padovana, che ora vive a Bolzano racconta delle storie emblematiche, come quella di Samba che fa il cantante ed abita in un villaggio vicino a Dakar.

Ha preso la barca per la Spagna. Sua moglie è morta, lui, caduto in mare, è stato ripescato dai compagni di viaggio. Dice che tutti gli amuleti che ha addosso lo hanno protetto dalla morte.

Mamadou invece è stato ripescato al largo delle coste del Senegal e portato all'ospedale di Dakar dove l'ho incontrato. Era in barca da tre settimane senza acqua, cibo, benzina. Voleva arrivare in Spagna. Mara ha saputo che suo marito è morto dopo tre settimane di viaggio in mare, al largo delle coste spagnole.

E I bambini? Papa è uno dei tanti tasselli di questa narrazione fotografica. Con una maglia di una squadra di calcio italiana segue le partite di calcio dell'Italia alla tv e sogna di diventare calciatore. Vive alla periferia di Dakar.

Awa ha cercato di raggiungere i suoi familiari in Spagna, ma è stata rimpatriata. Ora guarda al mare e aspetta una seconda occasione.

Racconta la fotografa che a Mbour, a sud di Dakar, moltissimi pescatori non sopravvivono alla concorrenza di europei e americani. Barak, pescatore di 46 anni, ha venduto la sua piroga per tirare avanti. I nuovi proprietari vendono viaggi clandestini e lui è pagato per fare il capitano. Dopo sei traversate verso la Spagna e l'Italia, ha deciso di partire da solo con i suoi figli più grandi. Un giorno, all'alba, di nascosto, con una piccola barchetta, raggiunge una barca più grande, già carica di cibo e vestiti e parte.

Se davvero ha trovato l'Eldorado, non lo sappiamo. E non lo sa nemmeno Anna. "Pochi giorni dopo aver incontrato Barak, ho preso l'aereo per rientrare in Italia e del tutto irrazionalmente continuavo a cercare dall'alto la sua barchetta nel mare."







< "Dal Senegal all'Europa" Anna Da Sacco 2013

Scatti d'autore

Scatti d'autore

colore_rosso.jpg 185x190.gif google_1.png boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif banner_hotel.jpg