Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Scatti d'autore

Marco Anelli, gesti dell'anima

Marco Anelli, gesti dell'animamarco_anelli.jpgmarco_anelli4.jpgmarco_anelli2.jpgmarco_anelli5.jpg
Cogli l'attimo (musicale)

Verrebbe da dire: chi fermerà la musica, parafrasando una famosa canzonetta. Ma la domanda è meno retorica di quel che si crede: se si può fotografare un concerto, un evento musicale, un artista...non è però possibile cogliere l'attimo musicale.

Sembra andare alla ricerca della nota e del diapason l'evento di Cinecittadue Arte Contemporanea che continua il suo ciclo di mostre di grandi fotografi e ripropone dopo otto anni Marco Anelli.

Se il primo lavoro era dedicato al calcio, questo è ancora più ambizioso. “Gesti dell’Anima”, che ha avuto curatela di Giovanna Calvenzi e patrocinio dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, presenta 28 fotografie, la maggior parte di grande formato, dedicate ai più grandi interpreti della musica classica internazionale, musicisti e direttori d’orchestra di fama mondiale.

Ritroviamo Maurizio Pollini, Uto Ughi, in formato "gesto" attorno alla più immateriale, sublime e misteriosa fra le arti: la musica.

Questo lavoro nasce dall’interesse per la musica di Marco Anelli, della sua lunga collaborazione con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, una passione che ha consentito all’autore di affinare il suo sguardo e coltivare la sua idea di musica.

Anche qui, come in altri suoi precedenti progetti, il fotografo deve confrontarsi con la necessità di stare a una certa distanza dal soggetto ritratto. Incredibilmente, fotografare un calciatore o un musicista all’opera impone la stessa regola: non puoi avvicinarti.

Con i musicisti si aggiunge una seconda condizione: non puoi fare rumore. Le fotografie risultano quindi silenziosamente distanti e pure profondamente musicali, intime, profonde. Marco Anelli ha deciso di costruire una relazione attraverso l’assemblaggio delle sue immagini al fine di restituire il senso dell’interpretazione.

Sebbene i nomi dei musicisti raffigurati siano importanti, talvolta imponenti, l’interesse dell’autore è soprattutto quello di tentare di rappresentare la musica nel suo farsi, descrivere il rapporto tra l’esecutore e l’ascoltatore nell’unicità dell’interpretazione.

Come scrive Giovanna Calvenzi “la gestualità dei musicisti è diventata protagonista della sua indagine visiva e gli interpreti, i loro volti, i loro corpi – anche se presenti- passano quasi in secondo piano: Anelli osserva prevalentemente i gesti, quei movimenti intensi e misurati capaci di far nascere da una partitura l’emozione di una musica”.

Alcuni degli interpreti fotografati:
Antonio Pappano, Leonidas KavaKos, Lang Lang, Radu Lupu, Gustavo Dudamel, Christoph Eschembach, Yuri Termirkanov, Martha Argerich, Maurizio Pollini, Uto Ughi, Christian Zacharias, Kent Nagano, Mitsuko Uchida, George Pretre, Mario Brunello, Vladimir Ashkenazy.

(2014 - C.Perer)





MARCO ANELLI  “GESTI DELL’ANIMA”
A cura di:Giovanna Calvenzi
Cinecittàdue Arte Contemporanea,     

 

Scatti d'autore

Scatti d'autore

colore_rosso.jpg google_1.png boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif banner_hotel.jpg