Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Persone e idee

Mario Biondi, the voice

Mario Biondi, the voiceMario_Biondi_FotoC.Perer_22_125.jpgMario_Biondi_FotoC.Perer_22_104.jpgMario_Biondi_FotoC.Perer_22_36.jpg
in 3000 al Mart

Rovereto si aspettava il pienone e pienone è stato. Sono arrivati i tedeschi e gli austriaci in vacanza a Riva del Garda che Biondi lo apprezzano da tempo, sono venuti da tutto il Trentino,  c'erano turisti dalla Puglia (venuti per i mercatini) e molti bolzanini che non hanno dimenticato il memorabile concerto ai Giardini Tausmandorff (o lo avevano perso) e poi c'era la città. Una vera festa quella che il Comune di Rovereto, Fondazione Caritro e Dolomiti Energia si auguravano di poter regalare nell'ambito del Natale dei Popoli e nel cuore di un ponte magico per sua natura, quello dell'Immacolata. L'organizzazione è stata affidata a Radio Italia Anni 60 e Showtime Agency.

E magica è stata la serata, con un Mario Biondi arrivato  puntualissimo per il sound-check delle 18, ripartito soddisfatto per una veloce perlustrazione in auto nel centro cittadino, quindi tornato per il concerto, i saluti istituzionali in forma privatissima nel foyer del Melotti e poi il concerto vero e proprio con il bagno di folla.  Sul palco Mario Biondi  ha presentato i suoi successi e anche alcuni brani tratti dall'ultimo cd Beyond.

Stupenda l'esecuzione insieme al pubblico di "My Girl" ed emozionate "Exstasy" brano che valorizza in ogni sfumatura le eccezionali proprietà vocali del cantante, fino ai brani più prettamente soul (tra questi anche la canzone scritta con Dee Dee Bridgewater) e poi brani tratti dal nuovo disco di inediti “Beyond” ma anche i successi e le cover che lo hanno reso celebre nel mondo soul e funky.

Con lui sul palco uno straordinario Alessandro Lugli alla batteria, un ottimo Federico Malaman al basso e poi Massimo Greco alle tastiere e programmazione, David Florio alle chitarre, bravissimo Marco Scipione al sax e Fabio Buonarota, altra colonna del tour alla tromba.

Erano in 3000 ad ascoltare il cantante catanese. Altri 600 non hanno potuto entrare ma hanno ascoltato dalle transenne di Corso Bettini. Nessun problema di sicurezza, controlli però meticolosi come vuole la prassi e tanti tanti bis.

Il tour official che sta portando Mario Biondi in molte città italiane, ha riservato per volontà dei promotori la sua unica tappa free a Rovereto e poiché il ticket oscilla tra 34 euro di Torino (dove canterà il 14 dicembre al teatro Colosseo) e i 40 euro e 25 centesimi del teatro Europantirium di Bologna dove invece canterà domani 9 dicembre (e dove per una prima platea numerata si può arrivare a 69 euro), è naturale che la tappa trentina fosse una ghiotta occasione per ascoltare “free” il cantante catanese, magari abbinando alla musica un soggiorno durante il ponte dell'Immacolata tra mercatini e le mete di grande richiamo del turismo trentino e altoatesino.

Operazione dunque andata a segno per l'Amministrazione Comunale di Rovereto che voleva richiamare l'attenzione su Rovereto nel ponte in cui ci sarebbe stato il massimo richiamo dei mercatini nell'asse Arco, Rovereto, Trento, Bolzano e Merano. Al tempo stesso voleva portare nella piazza del Mart un grande evento, una festa nel luogo che iconicamente meglio la rappresenta.

Per realizzare l'obiettivo c'è voluto uno sforzo corale a cui si è aggiunta la Provincia di Trento, Servizio Attività Culturali, negli ultimi giorni concorrrendo con Comune, Fondazione Cassa di Risparmio Trento e Rovereto, Dolomiti Energia Apt e Comunità della Vallagarina a realizzare un evento davvero straordinario, realizzato in modo sciolto: nessun discorso ufficiale, nessuna tribuna riservata (eccettuata l'area per i disabili che hanno potuto vedere lo spettacolo in assoluto agio),  tanta musica, una festa davvero per tutti.

a.pagani - dicembre 2015

Persone e idee

Persone e idee

185x190.gif colore_rosso.jpg boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg google_1.png photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif