Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Viaggi

Marmolada, il museo pił alto d'Europa

Marmolada, il museo pił alto d'Europamarm5.jpgmarm3.jpgmarmolada_giornale_sentire.jpgTerrazza_Sulle_Dolomiti.jpgmarmolada.jpg
Itinerari

Si tratta del museo più alto d’Europa e si trova al centro della Zona Monumentale Sacra, a pochi passi dal ghiacciaio della Marmolada e dalle postazioni di guerra italiane e austro-ungariche, perfettamente agibili e visitabili durante il periodo estivo. Qui migliaia di soldati si affrontarono in condizioni climatiche proibitive. Allo scoppio del conflitto itao-austriaco la Marmolada assunse importanza per il mantenimento della linea difensiva austriaca: se avessero conquistato il massiccio gli italiani sarebbero potuti avanzare attraverso le valli di FAssa e Badia.

La Zona Monumentale Sacra di Punta Serauta è affidata alla tutela del Commissariato Generale Onoranze Caduti in Guerra (Min. Difesa) per ricordare e onorare gli uomini che combatterono sulla Marmolada durante la Prima guerra mondiale. I soldati Italiani, occupata Forcella Serauta il 30 aprile 1916, costruirono sul massiccio roccioso di Punta Serauta un vero e proprio fortilizio, formato da numerose grotte collegate da facili camminamenti in roccia. Qui vissero fino a novembre 1917 in una estenuante guerra di posizione contro lo sbarramento austriaco Forcella V - Sasso delle Undici.

 Sulla Marmolada l’esercito austro-ungarico realizzò un’opera unica nel suo genere: la Città di Ghiaccio. Un complesso labirinto di gallerie scavate nel cuore del ghiacciaio, dentro profondi crepacci, che metteva in collegamento le basi logistiche ai piedi del monte, sul versante trentino, con le posizioni più elevate di Punta Rocca (3265 m) e Forcella V.

La “città di ghiaccio”, inventata dall’ingegner Leo Handl, permise sia il mantenimento delle posizioni che la sopravvivenza alle difficili condizioni ambientali della montagna. L'ingegnere di Innsbruck durante la realizzazione dell’opera compì studi approfonditi di glaciologia, nivologia e tecniche di costruzione sul ghiaccio, mai eseguiti prima e illustrati in diversi articoli che l’ufficiale pubblicò sia durante che dopo la guerra. La Città di Ghiaccio resistette per alcuni anni, poi venne distrutta dai movimenti del ghiacciaio.


< foto: l'inaugurazione


 

L’origine del museo risale al 9 giugno 1990 quando venne inaugurato per la prima volta, all’interno della stazione di arrivo della funivia a Serauta, su volontà del dr. Mario Bartoli e del dr. Bruno Vascellari, a cui ancora oggi è dedicato. Nel 2015, in occasione della commemorazione del Centenario della Prima Guerra Mondiale, l’associazione "Museo della Grande Guerra in Marmolada Onlus" che gestisce il museo "Marmolada Grande Guerra 3000 m" ha deciso di ampliarlo e ristrutturarlo ex novo. ll costo dell’opera è di circa 1.400.000 € finanziato dalla società Marmolada srl, con un piccolo contributo della Regione Veneto.

Il visitatore viene guidato lungo un percorso multimediale e multisensoriale che parte dalla realtà d’inizio Novecento e prosegue nella quotidianità della guerra condotta in condizioni estreme tra rocce, neve, ghiaccio e temperature polari. Il filo conduttore di questo percorso è rappresentato da stralci di diario e lettere che descrivono il vissuto, l’interiorità e gli stati d’animo dei soldati.  La parte principale del museo è costituita dalla rivisitazione di una trincea e da un tunnel espositivo che mette l’accento sulle diverse realtà della guerra: la vita nelle baracche, gli aspetti sanitari, il duro lavoro e la lotta contro le forze della natura.

L’allestimento, curato dall’architetto Claudine Holstein di G22 Projects Srl con i grafici della Gruppe GUT, è innovativo e fa uso di moderne tecnologie per consentire al visitatore di immedesimarsi realmente nelle condizioni climatiche d’alta quota (da non perdere gli apparecchi che simulano il freddo patito dai soldati e la difficoltà a respirare ad una altitudine superiore a 3000 metri).
 

info:
www.museomarmoladagrandeguerra.com
info@museomarmoladagrandeguerra.com

Viaggi

Viaggi

banner.jpg colore_rosso.jpg viaggio_2.jpg banner_gusti.jpg banner_hotel.jpg logoViaggiareSicuri.jpg