Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Viaggi

Mercatini: funzionano anche in Toscana

Mercatini: funzionano anche in ToscanaTetto_di_luci.jpgNataleDeiPopoli1.jpgMercatini_Natale_ANTEPRIMA_CON_LUCI_foto_A._Toller.jpgelefante1.jpgelefante2.jpg
bancarelle boom

Stando alle statistiche e alle indagini di settore sono molti  italiani che visiteranno i mercatini:  si calcola almeno in 12 milioni questo target e molti ne visiteranno più d'uno. Se ne contano 574 lungo lo stivale e anche se la gente spende poco sono gli operatori della ricettività: alberghi e B&B (+4,7%) e ristorazione e dei bar (+2,9%) fra tutti. Quello che non crolla è il fascino che questi mercatini esercitano in tempo di Natale.

 

< nella foto, Montepulciano nelle Terre di Siena

 

Anche a Montepulciano  funzionano benissimo. Gli operatori turistici della nota località tscana, celebre per il suo vino (il "Nobile" di Montepulciano), per il suo borgo incantato e per le sue Terme, poste a poca distanza da quelle di Chianciano Terme, hanno avuto l'intuizione di fare da filtro: intercettare a metà strada i turisti del centro sud quelli che invece di intraprendere una lunga trasferta verso il Trentino, trovano a poco meno di dure da Roma, il fascino dei mercatini. E il loro mercatino l'hanno creato nel 2014. A Montepulciano la parola d'ordine è "niente cineserie inutili e molti prodotti tipici".
Ecco quindi che il territorio punta ai salumi di Cinta, al vino nobile, al sempre vivo settore dell'artigianato artistico delle Terre di Siena.



< più a nord un mercatino speciale: il Natale dei Popoli di Rovereto




Il fenomeno dei mercatini non è dunque solo altoatesino: prova ne sia che il Piemonte è la terra con il maggior numero di bancarelle, in Lombardia (11,5% contro il 12,3% dello scorso anno), Veneto (in crescita, passando dal 7,9% dello scorso anno all'8,4% di quest'anno), Liguria (7,5%, contro il 7,7% dello scorso anno), Emilia Romagna (7,1%, contro il 6,3% dello scorso anno), Campania (6,3% contro il 5,4% dello scorso anno) e Toscana (5,6% contro il 5,2% dello scorso anno).    La durata media dei mercatini è pari a 9,7 giorni e a ogni mercatino partecipano mediamente 47 espositori. Gli espositori complessivi saranno quest'inverno ben 26.978.

A Trento arrivano anche i treni speciali. Quello dei mercatini è un business che non conosce crisi: si è calcolato che coinvolga ogni anno almeno 11 milioni di persone per un business stimato in 766 milioni di euro. In Trentino hanno aperto i mercatini di Rovereto Pergine, Arco, Levico, Caldonazzo e quello principale di Trento dove ben tre piazze sono state dedicate alle casette natalizie che quest'anno sono ben 90. Quello di Rovereto è però un Natale speciale da sempre legato più al tema della solidarietà (è il Natale dei Popoli) prima ancora che al marketing da bancarella, che non manca e...funziona.

Ed infine andando più a nord  i famosi Mercatini di Natale a Bressanone e Vipiteno, che rendono ancor più speciale l’atmosfera, arricchiti quest’anno da show multimediali e performance teatrali: dopo il successo dell’anno scorso, con 55.000 spettatori totali, ritorna, rivisitato, lo show di videomapping ‘Il sogno di Soliman’ nella corte del Palazzo Vescovile di Bressanone (dal 24 novembre all’8 gennaio, ogni giorno tranne 24 e 25 dicembre alle 17.30, 18.30 e 19.30, ingresso 10 euro - 8 euro con la Brixen Card - 6 euro il lunedì), opera della compagnia di artisti Spectaculaires – Allumeurs d’Images, in esclusiva per l’Italia.
Dal 25 novembre al 6 gennaio.

www.giornalesentire.it - novembre 2016





> Bressanone: torna il Sogno di Soliman
> Vipiteno, il fascino della città italiana più a nord
> Rovereto, alcuni buoni motivi per visitarla

Viaggi

Viaggi

banner.jpg colore_rosso.jpg viaggio_2.jpg banner_gusti.jpg banner_hotel.jpg logoViaggiareSicuri.jpg