Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Persone e idee

Milan Rastislav, l'eroe bandito

Milan Rastislav, l'eroe banditoLegionari-a-Bratislava_foto-fornita-da-Sergio-Tazzer.jpgdida-001.jpgLegionari-a-Bratislava_foto-fornita-da-Sergio-Tazzer_1.jpgstefanik_a_Tahiti.jpg
di Corona Perer

Se si cerca in rete Milan Rastislav Štefánik il primo risultato che troverete è che a lui è intitolato l'aeroporto di Bratislava, il principale di tutta la Slovacchia.

Ma poco si sa della figura di Štefánik uomo. Nato sulle alture dei Carpazi, figlio di un modesto pastore luterano, padre di 12 figli (lui era il sesto della nidiata), divenne politico, diplomatico, astronomo, nonchè artefice della leggendaria (e sconosciuta in Italia) Legione ceco slovacca, la quale combatté su vari fronti alpini italiani durante la Prima Guerra Mondiale. Una divisione che divenne dal 1918 l’asse portante delle forze armate cecoslovacche.

Štefánik ne fu tra gli artefici, e se lo possiamo incontrare "da vicino" è grazie all'ultimo libro (il decimo) di Sergio Tazzer giornalista-studioso di storia mitteleuropea che contribuisce a colmare - con il suo minuzioso lavoro - il vuoto di documentazione nel panorama editoriale italiano, tracciando la figura dello slovacco e le vicende militari e politiche legate alla Legione ceco-slovacca in Russia, in Francia ed in Italia.

La sua azione infatti non fu marginale, rispetto alle forze italiane, tanto che il 21 aprile 1918, con la firma della Convenzione militare, fu proprio il governo di Roma a riconoscere sia la Legione che il Consiglio nazionale dei paesi “Czec...


Inserire la password
fornita tramite l'abbonamento:



Persone e idee

Persone e idee

Isgr.jpg colore_rosso.jpg DECENNALE.jpg