Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Scatti d'autore

Giovanni Guadagnoli, Mimesis declinazione

Giovanni Guadagnoli, Mimesis declinazione GGguadagnoli_Mimesis-_declinazione_19.jpgGGguadagnoli_Mimesis-_declinazione_15.jpgGGguadagnoli_Mimesis-_declinazione_14.jpg
Milano Photofestival 2014

29 aprile 2014 - In occasione del Milano Photofestival 2014 galleria Glenda Cinquegrana the Studio  presenta la  personale del fotografo italiano Giovanni Guadagnoli. "Mimesis: declinazione" è un percorso di 12 lavori recenti racchiude la sua ricerca più recente dedicata al tema dei paesaggio.  Le immagini di Guadagnoli si confrontano con uno dei grandi temi della fotografia contemporanea, ovvero con l’antico pregiudizio caro alla cultura occidentale che l’immagine fotografica abbia la funzione di rappresentare la realtà.

Le opere in mostra, che giocano con le prospettive più classiche della tradizionale fotografia di paesaggio, si confrontano con il tentativo di mimesis, svelandone tutta la fallacia e l’intrinseca contraddittorietà.

Scrive Gigliola Foschi nel testo critico che ciascuno scatto di Guadagnoli costituisce “una messa in dubbio radicale della rappresentazione a partire dalla rappresentazione stessa, e della fotografia a partire dall’interno della fotografia stessa”. In sostanza il meccanismo di rappresentazione è continuamente messo “....in uno stato di sospensione e di dubbio che  trasforma le sue immagini in qualcosa di inquieto e affascinante, instabile e attraversato da una profondità inesauribile”.

I paesaggi di Guadagnoli, che pure sono realizzati attraverso la costante sovrapposizione di numerosissime immagini di paesaggio, altro non sono, prosegue la Foschi, che ultra-paesaggi,  impossibilitati a rappresentare un luogo preciso, ma capaci di evocare lo spazio della natura. L’inganno dello scenario è costruito con  immagini che assomigliano a  fotografie post-pittorialiste, con tocchi di colore che si rifanno alla pittura impressionista, o che simulano un intervento manuale fatto con i pastelli a cera.

L’impossibilità del rispecchiamento e della rappresentazione per il fotografo è il frutto non solo “della difficoltà di pensare univocamente la ‘Natura’”; ma questa è figlia del disagio concettuale dell’uomo contemporaneo nel sentirsi da questa accolto in termini di identificazione.

In un momento storico come quello attuale, caratterizzato dall’allargamento della prospettiva spaziale e dalla progressiva dilatazione dell’orizzonte tecnologico, l’atteggiamento naturale del fotografo non può che essere improntato a un relativismo profondo. Alla luce di questa riflessione  il fotografo riconsidera anche il concetto di uomo che, come dice Guadagnoli, “è dato come imprevisto, discontinuità, presenza alienata; restituito nell’evanescenza di una forma precaria, fantasmatica; collage sospeso sull'ipotesi di una fusione con l’insieme sempre in fieri, mai definitiva, moncone di una memoria frammentaria e tuttavia necessaria”.

Di conseguenza i paesaggi di Guadagnoli appaiono come scenari affascinanti e misteriosi, nei quali la presenza dell’uomo è vista come fuggevole passaggio, pura visione destinata a perdersi. L’unico punto di riferimento per decifrare il mistero delle immagini sono notazioni scritte a mano, frammenti di testi che il fotografo ha inciso, quasi a volerci dare un ultimo appiglio prima di perderci. Queste sono tracce di diari e di memorie di uomini del passato, quasi a mostrare che se l’uomo è di passaggio qualche frammento di memoria è destinato a sopravvivere.

Giovanni Guadagnoli è nato a Sulmona nel 1966. Si è laureato con il massimo dei voti e la lode nella facoltà di lettere e filosofia dell’Università La Sapienza di Roma, con una tesi in Storia dell’Arte Contemporanea. Ha lavorato come fotografo commerciale firmando, tra le altre, tre campagne pubblicitarie per Armani Underwear. Sue immagini sono apparse su riviste italiane ed estere, tra le quali MarieClaire, Vogue Gioiello, Elle, GQ, ID, Max, Venerdì di Repubblica.



GIOVANNI GUADAGNOLI
Mimesis: declinazione
Glenda Cinquegrana: the Studio
via F. Sforza, 49 I- 20122 Milano
dal 30 aprile a giovedì 22 maggio 2014.
 

Scatti d'autore

Scatti d'autore

185x190.gif colore_rosso.jpg google_1.png boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif banner_hotel.jpg