Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Persone e idee

Krugman ''La disuguaglianza non è un destino, ma una scelta''

Krugman ''La disuguaglianza non è un destino, ma una scelta''pianoforte.jpgimage.jpgBarack_Obama.jpgobama_michelle.jpgobama_giuramento_2013__2.jpgchiusura.jpg
Gran finale

Esiste davvero una contrapposizione tra efficienza ed equità? Il premio Nobel per l’Economia 2008 Paul R. Krugman ne ha discusso in video conferenza oggi pomeriggio con Daniel Gros e Tito Boeri nell’ultimo confronto del Festival dell’Economia, che è servito anche per fare una sorta di riassunto dei tanti temi emersi nel corso dei 5 giorni della kermesse dello Scoiattolo. Due i messaggi che escono dal Festival, come ha ricordato il direttore scientifico Boeri. Le disuguaglianze esistono e a causa della crisi si sono accentuate, ma nel contempo, tutti gli autorevoli relatori, hanno sostenuto che non c’è niente di inevitabile e che possono essere individuati dei correttivi per migliorare la situazione, in primis intervenendo sul sistema educativo e poi anche attraverso strumenti di redistribuzione della ricchezza. "Occorrono però - ha detto Boeri - proposte che siano attuabili".

“La disuguaglianza non è un destino, ma una scelta – ha detto Krugman docente di economia e relazioni internazionali all’Università di Princeton – e possiamo fare molto per ridurla”. “Dobbiamo capire che il problema non è monodimensionale, le cause sono diverse e per affrontarle dobbiamo muoverci su diverse strade”. “I redditi - ha ricordato - negli ultimi anni sono cresciuti solo fra la classe media cinese e per l'1% della popolazione, ovvero i super ricchi”. Il premio Nobel, parlando di geografia economica, ha evidenziato la possibilità di introdurre misure redistributive solamente in alcune regioni o in alcune città, che potrebbero essere un laboratorio di esprimenti.

"A volte – ha detto Krugmann – pensiamo che solo le soluzioni globali possano essere efficaci, ma forse non è così, ad esempio anche il trasporto pubblico locale può essere uno strumento di riduzione delle disuguaglianze, come dimostrano molti studi”. Parlando delle questioni globali, Krugmann ha sottolineato che alcune aree geografiche europee più povere sono sottoposte alla competizione dei paesi emergenti. “Credo che l’Europa - ha detto - dovrebbe essere più consapevole di queste dinamiche invece di fare politiche di austerità”.

Il premio Nobel ha poi affrontato la questione dei salari. “Ci sono sempre più prove che dimostrano come i salari non siano determinati dal confronto fra domanda e offerta, ma che vi siano in realtà tanti fattori che ne influenzano la portata. E’ evidente che all’aumento di salario corrisponde anche un aumento di efficienza, che potrebbe compensare il maggior costo del lavoro”.

Infine la tematica dell’immigrazione. “L’immigrazione può essere un modo per migliorare la vita delle persone. Ma ci vogliono delle limitazione. La libera circolazione del lavoro - ha detto - senza integrazione fiscale crea la possibilità di spirali verso il basso. Se molti i giovani se ne vanno da un paese, chi pagherà le tasse per sostenere le pensioni?”.

Il festival si è chiuso dunque con questo dato: la disuguaglianza non è un destino, ma una sceltaa. Soddisfatti per la partecipazione di pubblico e la visibilità sulla stampa internazionale i promotori che hanno saputo coistruire attorno ad un programma "di peso" con ospiti importanti (molto interesse anche per Cottarelli, Falciani, e poi i vip Zanardi, nonchè i premier Renzi e Valls), anche un programma di contorno con i brindisi di Trentodoc, partner della Provincia autonoma di Trento nel progetto Expo Milano 2015, e poi l’invasione musicale di pianoforti colorati che ha vestito di note le vie cittadine addobbate per il festival, con attività rrealizzate anche grazie alla Fondazione Caritro che in questo modo dimostra il proprio interesse e amore per la cultura e l’arte sostenendone la diffusione.

Da ricordare anche la mostra del decennale che ha ripercorso 10 anni in cui è cambiato il mondo: dalle grandi speranze del 2006 alla crisi globale del 2008, dall’arresto di Saddam Hussein alla vittoria di Barack Obama, dalle Primavere arabe a Mario Draghi al vertice della BCE. I dieci anni del Festival dell’Economia hanno coinciso con un periodo storico incredibilmente denso di avvenimenti straordinari, che hanno cambiato la storia mondiale.
Basta guardare al 2006, quando iniziò il Festival, per capire quanti e di quale portata siano stati i cambiamenti e le rivoluzioni, italiane e mondiali, e come, nello stesso tempo, tutto si rifletta sull’oggi protagonisti, vicende, eventi, la loro evoluzione e i loro effetti. Il titolo della prima edizione era ‘’Ricchezza e povertà’’, tema che negli anni successivi sarebbe diventato centrale nel dibattito politico ed economico mondiale. In quella prima edizione, si parlò anche dei rischi della speculazione finanziaria, dei migranti, del ruolo dell’Europa e dell’euro. Gli stessi temi che oggi vengono declinati molto più gravemente: se dieci anni fa erano intuizioni, oggi sono problemi centrali.

In quell’anno, l’Italia vinceva i mondiali di calcio in Germania, veniva giustiziato Saddam Hussein, all’epoca il nemico numero uno del mondo occidentale, l’economia cresceva, il futuro sembrava aprirsi verso un’era di pace e di stabilità. E tuttavia, appena dodici mesi dopo iniziava negli Usa la crisi dei mutui subprime, da cui sarebbe scaturita la peggiore crisi globale della storia, quella che ancora stiamo vivendo.  La mostra rimarrà aperta fino al 30 giugno 2015.


< foto: la cerimonia di chiusura
 

Persone e idee

Persone e idee

185x190.gif colore_rosso.jpg boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg google_1.png photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif