Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Arte e cultura

Affidarsi al cielo: arte e devozione

Affidarsi al cielo: arte e devozionedida-new1.jpgLa-caduta-da-cavallo-1766.-Baselga-di-Pine-frazione-Montagnaga-Chiesa-di-Sant-Anna-ex-voto.jpg
Museo Diocesano Tridentino

2 luglio 2015 - A Torre Vanga a Trento, da domani 3 luglio, i turisti troveranno una mostra in più che è anche la seconda tappa dell’iniziativa “Affidarsi al cielo. Arte e devozione a Montagnaga di Piné”.
La mostra a tema “Il santuario” che sarà inaugurata domani alle ore 18 presenta dipinti, oreficerie, paramenti, documenti d’archivio, ma anche santini, fotografie e cartoline per raccontare tre secoli di arte e devozione nella chiesa di Sant’Anna a Montagnaga, sede del principale santuario mariano della Diocesi di Trento.

L'esposizione, a cura della Soprintendenza per i beni culturali della Provincia autonoma di Trento, si inserisce nell’ambito della doppia iniziativa espositiva “Affidarsi al cielo. Arte e devozione a Montagnaga di Piné”, organizzata in collaborazione con il Museo Diocesano Tridentino nella cui sede è visitabile fino al 7 settembre prossimo. Gli eventi vogliono valorizzare la storia e il patrimonio di fede e di cultura del principale santuario mariano della diocesi di Trento, sull’altopiano di Pinè, depositario del più corposo nucleo di ex voto del Trentino.

Le origini del santuario risalgono alla fine del terzo decennio del XVIII secolo, quando il racconto delle cinque apparizioni della Madonna a Domenica Targa, tra i prati e la chiesetta di Montagnaga, impresse un formidabile impulso alla devozione per la Vergine di Caravaggio, già radicata tra gli abitanti del paese. Il piccolo villaggio di case sparse tra i boschi si avviò allora a diventare un venerato luogo di culto mariano, meta di pellegrini provenienti da tutto il Trentino e dal Veneto. Al posto dell’antica cappella alpestre sorse presto una nuova chiesa intitolata a Sant’Anna, destinata a successivi ampliamenti in parallelo con il crescente concorso di popolo.

Fin dal settembre 1729 nella chiesa di Sant’Anna il nuovo altare consacrato in onore della Madonna di Caravaggio si presentava adorno di ex voto, offerti dai pellegrini quale pubblica attestazione di gratitudine per una grazia ricevuta. La raccolta, cresciuta ininterrottamente negli anni, conta oggi più di un migliaio di esemplari: di questi, 413 ex voto sono stati riconosciuti di interesse culturale, catalogati e restaurati a cura della Soprintendenza. L’esposizione allestita al Museo Diocesano Tridentino propone una significativa selezione di quest'importante raccolta.

La mostra, inoltre, intende proporre al pubblico una lettura su più livelli degli ex voto, fonte privilegiata per la storia della devozione, del costume e delle attività umane. Il percorso espositivo è articolato in quattro sezioni e ospita 235 ex voto, di diversa tipologia ed epoca, dal XVIII al XX secolo. 

Il percorso espositivo allestito presso il Museo Diocesano Tridentino è articolato in quattro sezioni e ospita 235 ex voto, di diversa tipologia ed epoca. Le opere esposte, che coprono un arco cronologico che spazia dal XVIII al XX secolo, propongono al visitatore un’esauriente panoramica della tradizione votiva pinetana. Il percorso, inoltre, consente di accostarsi a queste preziose testimonianze di fede attraverso un’analisi interdisciplinare capace di mettere in luce sia la storia della pietà popolare che questi manufatti sottendono, sia gli aspetti artistici e socio economici connessi alla loro produzione.

 


"Affidarsi al cielo"
Arte e devozione a Montagnaga di Piné. Gli ex voto
Museo Diocesano Tridentino
Palazzo Pretorio- Piazza Duomo Trento
25 aprile – 7 settembre 2015


“Il santuario"
Torre Vanga - Trento
dal 3 luglio 2015

 

Arte e cultura

Arte e cultura

colore_rosso.jpg boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif