Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Arte e cultura

Music 4 The Next Generation

Music 4 The Next GenerationEmanuela_RossiniMoniQue.jpgjump-sx.png
Classica in salsa rock

di Emanuela Rossini* - Ogni epoca non solo ha la propria contemporaneità specifica, ma anche una creatività... specifica. Chi si occupa di programmazione culturale si interroga frequentemente su che cosa caratterizzi il proprio tempo e come trasmettere l’eredità del passato senza ‘riprodurlo’, ovvero, senza sminuire il presente. La parola stessa ‘contemporaneo’ usata in contrapposizione a ‘classico’, soprattutto in ambito musicale, non aiuta, perché costringe a non accorgersi che, tra tradizione ed avanguardie, scorre un fiume carsico di intuizioni, apprendimenti, passaggi e dialoghi che hanno da sempre determinato l’evoluzione della musica e degli stili.

E’ da questa riflessione che ha avuto origine il bando di Fondazione Caritro, dal titolo “Music 4 The Next Generation”. Ha come obiettivo quello di accendere e rinnovare dialoghi e nuove forme ascolto tra due mondi - tradizione e avanguardie musicali – in un processo di riscoperta di quel qualcosa di 'atemporale', ovvero di permanentemente contemporaneo, che rende eterne le grandi opere del passato.Una vera e propria ‘sfida’ musicale, tra le giovani band del Trentino Alto Adige e l’Orchestra Sinfonica Haydn, ovvero tra chi sta oggi sperimentando nuovi linguaggi e chi ha già compiuto un percorso lungo la tradizione.

Al centro dell'operazione vi è un lavoro di reinterpretazione di dieci brani musicali appartenenti alla tradizione musicale classica, attraverso tutti i generi musicali (rock, jazz, elettronica). I gruppi musicali sono infatti invitati ad interpretare uno o più brani, tra i dieci proposti, attraverso una libera rielaborazione tematica, armonica e ritmica.

Una sfida ‘alta’ - quindi - che si è giocata sul filo dell’ironia. Una sfida che, a ben vedere, ruota intorno alla questione dell’interpretazione delle grandi opere del passato e di chi abbia titolo di esserne l’erede. Solo gli specialisti? No, dice un grande maestro come Daniel Barenboim, in una sua lunga intervista diventa un libro (Paralleli e Paradossi, ed. Il Saggiatore Tascabili).

“Solo se conosci autori contemporanei conosci Beethoven in maniera diversa. E’ questo che rende grande Beethoven. Ed anche per i musicisti delle grandi orchestre è importante rimanere in contatto con la musica di oggi per capire la carica innovativa della musica del passato” afferma il grande direttore d'orchestra.

Come a dire, tradizione e grandi opere classiche possono superare il guado del Tempo solo se sapranno toccare ed accendere le sensibilità e la creatività di tutte le generazioni che andranno a venire.
I premi sono interessanti perchè consentono alle band di procedere nel loro cammino artistico di formazione e crescita musicale. La band vincitrice - ad esempio - farà uno stage, con la classe di Pop del Conservatorio di Trento, per la realizzazione di un arrangiamento ad hoc da eseguirsi con l’orchestra Haydn.

Il progetto, ideato e organizzato dalla Fondazione Caritro, ha visto la partnership di numerose istituzioni regionali che si occupano di produzione e formazione musicale, quali la Fondazione Orchestra Sinfonica Haydn di Trento e Bolzano, Conservatorio Bonporti di Trento, Conservatorio Monteverdi di Bolzano, Province Autonome di Trento e di Bolzano, Comune di Rovereto, con la collaborazione tecnica di UploadSounds.




*curatrice del progetto  “M4NG”
Librettista e scrittrice
Lettrice di inglese all’Università degli Studi di Milano.


 

Arte e cultura

Arte e cultura

colore_rosso.jpg boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif