Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Persone e idee

Musica di strada, Milan Kurc violinista di rango

Musica di strada, Milan Kurc violinista di rango1-violinista_ceco_13.jpg1-violinista_ceco_9.jpg
incontri di strada

L'africano suona una fisarmonica  e chiede soldi accanto al supermarket. Nessuno lo fila nel singhiozzo musicale prodotto dalle mani che dalla tastiera si protendono verso chi passa. La musica è priva di qualsiasi melodia: forse con due bonghi l'improvvisato musicante potrebbe essere più credibile.

All'altro capo della piazza c'è un rumeno che suona la tromba: le improvvisazioni jazz a tratti toccano e si mischiano con gli echi della fisarmonica, non troppo distante e la cacofonia produce una fastidiosa confusione. Lo struscio nella centralissima via Mazzini a Rovereto  si fa improvvisamente più frenetico. La gente sembra scappare.

Ma pochi metri più sotto, in quella che ormai si chiama Via Garibaldi, l'andatura torna lenta e qualcuno si ferma: un meraviglioso violino suona Memory di Barbra Streisand. E' vestito con cura, sorride con l'inchino del musicista agli applausi spontanei. Non chiede affatto soldi, ma la gente si ferma,  lo guarda mentre suona ad occhi chiusi, mette una moneta nella custodia. Chi ha più coraggio gli chiede da dove venga. E' un cecoslovacco di Brno, si chiama Milan Kurc e suona nel complesso orchestrale del Museo dell'Opera di Siena.

Nato nel 61 in una famiglia di musicisti, suona il violino dall'età di 6 anni. Si è diplomato al conservatorio di Brno ed  era l'allievo prediletto di Bohumil Kotmel, stella del violino praghese. Purezza di intonazione ed esecuzione elegante erano molto apprezzati dal docente già famoso. Così, per qualche anno, Milan ha suonato anche nella capitale con l'Orchestra di  Praga al Teatro Smetana, poi ha cominciato a esibirsi all'estero: Svezia, Germania, Austria, Francia e Italia. A casa sua coordina la Banda di Musica Moravica (musica classica e tzigana).

Racconta di passare almeno tre volte l'anno per Rovereto, facendo tappa nel lungo viaggio che dalla repubblica Ceca lo conduce a Siena dove viene periodicamente ingaggiato. Ha scelto lui di fermarsi nella piazzetta compresa tra via Stoppani, sulla quale si affaccia l'antico palazzo del filosofo Rosmini,  e la via dello struscio cittadino.

"In questa via la musica assume un suono che nessun'altra piazza mi dà" dice. Racconta di essere stato anche a Trento, ma di preferire Rovereto per la sua gente, sempre disposta a prendersi un attimo di pausa per la buona musica. Tra  Hexodus e la danza di Zorba con finale pizzicato, infila l'Ave Maria. E precisa "Questa è del Caccini". Qualcuno chiede di acquistare un disco o infila una moneta nella custodia. Non sanno che Milan Kurc nella sua tappa trentina verso la Toscana sta suonando anche per il piacere di farlo tra i palazzi della nobile Rovereto.

(c.perer)

Persone e idee

Persone e idee

185x190.gif colore_rosso.jpg boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg google_1.png photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif