Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Ambiente

Nigeria, Eni sversa petrolio

Nigeria, Eni sversa petrolionigeria2.jpgnigeria.jpgUSA_QUESTA.jpgnigeria3.jpgniger.jpg
Disastro ambientale

"Indagare sulle fuoriuscite di petrolio è una questione di diritti umani" aveva detto in una intervista realizzata da SENTIRE il  direttore di Amnesty Italia Gianni Rufini. Il problema però persiste e si fa sempre più grave.
Da un’analisi degli ultimi dati rilasciati da Shell ed Eni, Amnesty International ha reso noto che anche nel 2014 sono proseguite le fuoriuscite di petrolio nel Delta del fiume Niger, in Nigeria. Le due compagnie hanno ammesso un totale di oltre 550 fuoriuscite.

Shell ha riferito 204 fuoriuscite mentre Eni, che opera in una zona più piccola, ha dichiarato ben 349 fuoriuscite. Per contrasto, in tutto il continente europeo dal 1971 al 2011 sono state registrate solo 10 fuoriuscite ogni anno.
“Questi dati sono fortemente allarmanti. Eni ha chiaramente perso il controllo sulle sue operazioni nel Delta del Niger mentre Shell, nonostante tutte le sue promesse, non ha fatto passi avanti nel contrastare le fuoriuscite” - ha dichiarato Audrey Gaughran, direttrice del Programma Temi globali di Amnesty International.

“In qualsiasi altro paese, saremmo di fronte a un’emergenza nazionale. In Nigeria invece per l’industria del petrolio si tratta di procedure operative standard. Il costo umano è terribile: la popolazione del Delta del Niger vive in mezzo all’inquinamento ogni giorno della sua vita” – ha aggiunto ...


Inserire la password
fornita tramite l'abbonamento:



Ambiente

Ambiente

Isgr.jpg copello_sentire.jpg colore_rosso.jpg DECENNALE.jpg