Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Scatti d'autore

Un guerriero, ricordato mentre lottava

Un guerriero, ricordato mentre lottava19._Greame_Williams_-_South_Africa_Soweto.jpg20_Jurgen_Schadeberg_Nelson_Mandela_processo_per_Tradimento_1958.jpg
parla Okwui Enwezor*

Un guerriero va ricordato mentre lottava. E così questo ritratto di  Eli Weinberg, di un giovane Nelson Mandela che racchiude negli occhi il pensiero della lotta che gli sta di fronte, è tanto quieta quanto agitata. Motivo sufficiente per tornare - oggi più che mai - sui pensieri di Okwui  Enwezor che curò la mostra "Rise And Fall, Apartheid". A partire dalla definizione di quel regime. Cosa fu?

"Uno dei sistemi politici più repressivi e detestati mai messi a punto, l’apartheid si sviluppò in Sudafrica subito dopo la Seconda guerra mondiale, nel momento stesso in cui i movimenti indipendentisti locali stavano inferendo il colpo di grazia al colonialismo" così Okwui Enwezor curatore di Rise and Fall of Apartheid.

"Essenzialmente di cultura neofascista, l’apartheid venne adottato nel 1948 dopo la vittoria a sorpresa del Partito Nazionale Afrikaner guidato da D. F. Malan. Tra il 1948 e il 1955, il partito introdusse una serie di leggi razziali draconiane che si ridussero sempre di più a meccanismi politici restrittivi. La rete delle leggi sull’apartheid aveva un unico scopo preciso: la segregazione assoluta lungo direttive razziste ed etniche"

Ci fu resistenza? Certo, la resistenza all’apartheid comportava spesso l'inosservanza delle sue leggi.

"Sulla scia di que...


Inserire la password
fornita tramite l'abbonamento:



Scatti d'autore

Scatti d'autore

copello_sentire.jpg colore_rosso.jpg DECENNALE.jpg