Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Viaggi

Oman, alla corsa dei dromedari

Oman, alla corsa dei dromedari GIO_3281.jpgwww.giornalesentire.it_3.jpgwww.giornalesentire.it_2.jpgOman1.jpg
Nel deserto di Wahiba

Una corsa di dromedari nel bel mezzo del deserto omanita. Ogni venerdì e sabato a Bidiya, nella regione diSharqiya, che si trova a una ventina di minuti dai campi tendati dello splendido deserto di Wahiba Sands i cammelli corrono. Fino a 20 partenze al giorno nelle giornate di competizioni particolarmente importanti: i dromedari sono divisi in batterie secondo la loro età. La preparazione comincia a notte fonda, e le corse iniziano appena dopo il sorgere del sole.Ma vale la pena alzarsi all’alba per assistere a questo spettacolo veramente tradizionale, molto divertente e coinvolgente.

Per gli amanti del deserto è il regno delle dune dorate del deserto di Wahiba. Ma una delle sensazioni che non svaniranno tanto facilmente è la dolcezza e serenità degli omaniti: forti, gentili e fieri.

Li vedi giocare quieti a carte (molto simili alle nostre) oppure oziare guardando il traffico. Sorseggiare thè a tutte le ore e godere di quel ben di Dio che Allah ha donato loro: mare, montagna, deserto.

L'Oman è una meta tutta da scoprire che si rivela poco a poco in un gioco pirotecnico di paesaggi, atmosfere, cultura. Una terra profumata di rose. Nella regione si coltivano rose da cui viene estratta l'essenza. Nel 1983 il Sultano Qaboos (al potere dagli anni Settanta) progettò un marchio di profumi, Amouage, che poi divenne il nome del profumo più prezioso al mondo.

All'essenza di rosa vengono aggiunte essenze di gelsomino, mirra, sandalo e legno di cedro, gardenia, violetta e ciclamino e, nota unica perché scoperta nel Sud del Paese, il "frankincense".
Il top della collezione Amouage è un estratto venduto in un flacone d'oro.

Chiamato Corno d'Arabia per la sua forma particolare, l'Oman si affaccia sul Mare Arabico e la regione costiera di Batinah che è la più fertile e popolata del Paese. Posto a ridosso le montagne del Hajar Occidentale, questo Golfo attrasse nella storia vari conquistatori, da Ciro il Grande all'Iman Bin Massud nel 750, dai Portoghesi nel XVI secolo, agli Inglesi nel 1763. Fin qui la storia.

Nel 1970 con l'arrivo dell'illuminato Sultano il paese ha conosciuto l'inizio di un periodo di prosperità e modernità che però ha sempre tenuto in debito conto la forte tradizione. Questa nuova identità nazionale è riconosciuta come Risorgimento Omanita.

Le esperienze che si possono fare in questo paese sono forti e ricche di nuances. Si fa dal sorriso delicato e timidamente discreto delle sue donne, ad una natura che schiaccia per la sua imponenza. Il viaggio in Oman è sempre ad alta densità emotiva. L'Oman è sorprendente e molteplice.

Le montagne verdi a 3000 metri ti permettono di dormire in accoglienti tende e se si è fortunati vedere l'orizzonte illuminato dalla luna piena è emozione rara.

Scendendo dalle montagne si incontra uno dei più importanti siti storici, il Nakhal Fort, elevato su rocce con un'architettura fortemente sinergica .A circa 120 km la capitale Muscat (piccola di dimensioni ma ricca di vita multicolore), dal mercato del pesce al Souk tradizionale, si incontra la Grande Moschea splendida nel suo fasto orientale, il nuovo Teatro d'Opera, i Musei, il nuovo Porto.

L'ideale è andarci nella settimana del Muscat Festival, ma anche chi viaggia per sport trova qui occasioni come il Tour ciclistico con la partecipazione di atleti europei, una competizione di barche a vela tra le 10 più importanti del mondo.

Imperdibile l'artigianato. Imperdibile il mercato dove i contadini arrivano con i rispettivi animali ed i pescatori con reti e attrezzi, mentre splendide donne vestite con colori sgargianti che tessono, preparano dolci e sorridono con gli occhi anche quando sono velate.

L'Oman conosce l'Occidente ma va fiero della sua identità Orientale e così anche qui brilla il dorato mondo della moda che grazie a scorci mozzafiato trova un palcoscenico e scorci unici per i debutti di passerella. E le sfilate di moda di vari stilisti mediorientali su uno sfondo di rocce magicamente illuminate da fari colorati del Riyam Park sono uno spettacolo da mille e una notte.

Scoprire gli usi e i costumi di questo popolo è possibile con Originaltour, operatore turistico specializzato in Oman che ha inserito questa insolita ma entusiasmante proposta nel suo nuovo itinerario “Tradizioni Omanite”.Il viaggio costa da € 1.970 a persona, con volo di linea da Roma e Milano per Muscat, sistemazione in camera doppia con trattamento di mezza pensione (> info@originaltour.it)

con la collaborazione di
Giovanna Dal Magro
 

 

Gli Archivi di SENTIRE
> Oman, le foto e le emozioni

 

Viaggi

Viaggi

banner.jpg 185x190.gif colore_rosso.jpg banner_gusti.jpg viaggio_2.jpg banner_hotel.jpg logoViaggiareSicuri.jpg