Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Popoli

Srebrenica: Karadžic č stato giudicato colpevole

Srebrenica: Karadžic č stato giudicato colpevoleCarovana-della-Pace-Trieste-Sarajevo-1991_gallery_dim_orig.jpgsrebrenica.jpgkaradzic.jpeg
La sentenza

24 marzo 2016 - Il 16 luglio 2014 ci fu una sentenza storica anche se tardiva: 19 anni dopo,  la giustizia dell'Aja riconosceva l'Olanda civilmente responsabile per la morte di 300 musulmani deportati dai serbi di Bosnia nel pomeriggio del 13 luglio 1995 a Srebrenica perché i caschi blu olandesi avrebbero dovuto proteggerli. Il paese non è invece responsabile per la sorte di tutte le 8.000 persone deportate e uccise, così come aveva sostenuto l'accusa.

Il verdetto di primo grado emesso il 24 marzo scorso all’Aja dal Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia, in cui l’ex leader serbo-bosniaco Radovan Karadžic è stato giudicato colpevole di genocidio e altri gravi crimini di diritto internazionale, segna per Amnesty International un importante passo avanti in direzione della giustizia per le vittime del conflitto armato della Bosnia ed Erzegovina.


< la foto: la carovana della Pace
Trieste-Sarajevo del 1991. La strage avvenne 4 anni dopo




Il Tribunale ha giudicato Radovan Karadžic colpevole di un capo d’accusa di genocidio, di cinque capi d’accusa di crimini contro l’umanità e di quattro capi d’accusa di crimini di guerra per il ruolo svolto durante il conflitto armato, sia individualmente che nell’ambito di un’impresa criminale.

Karadžic è stato condannato a 40 anni di carcere. I suoi avvocati hanno dichiarato che ricorreranno in appello.

“La sentenza di oggi conferma che Karadžic ebbe responsabilità di comando per i più gravi crimini di diritto internazionale commessi sul suolo europeo dalla Seconda guerra mondiale” – ha dichiarato John Dalhuisen, direttore del programma Europa e Asia centrale di Amnesty International.

La Corte ha condannato Karadžic in relazione al genocidio di Srebrenica e lo ha inoltre giudicato colpevole di crimini contro l’umanità e crimini di guerra (tra cui tortura, stupro e l’uccisione di migliaia di prigionieri) compiuti con l’obiettivo di rimuovere sistematicamente le popolazioni musulmane e croate da territori rivendicati dai serbo-bosniaci.

La Corte ha poi stabilito che il ruolo di Karadžic nell’assedio di Sarajevo fu così determinante che altrimenti non sarebbe stato possibile terrorizzare l’intera popolazione della capitale bosniaca e sottoporla ad attacchi indiscriminati dal 1992 al 1995.

Karadžic è stato invece prosciolto dall’accusa di genocidio in relazione ai crimini commessi nel 1992 contro le popolazioni musulmane e croate di sette comuni della Bosnia.

Dal 1992 al 1995 Karadžic ricoprì numerosi ruoli di primo piano nella leadership serbo-bosniaca, comandando operazioni contro forze militari e popolazioni civili.

“Oggi è un giorno molto importante per la giustizia internazionale e per le vittime che hanno atteso 13 anni perché Karadžic venisse arrestato e altri otto perché venisse condannato in primo grado” – ha commentato Dalhuisen.

“Non dobbiamo dimenticare, tuttavia, che a più di 20 anni dalla fine della guerra in Bosnia, migliaia di casi di sparizioni forzate restano irrisolti e una deplorevole mancanza di volontà politica blocca ancora l’accesso alla giustizia, alla verità e alla riparazione per le vittime” – ha aggiunto Dalhuisen.

Amnesty International continua a sollecitare le autorità della Bosnia ed Erzegovina a impegnarsi realmente per chiarire la sorte di 8000 persone scomparse durante la guerra e per fornire verità, giustizia e riparazione alle loro famiglie.

Dal 1993, anno della sua istituzione, il Tribunale penale internazionale per la ex Jugoslavia ha avviato 161 procedimenti giudiziari per crimini commessi in quel territorio. A livello statale, i tribunali della Bosnia ed Erzegovina hanno indagato su soli 1000 casi di sospetti criminali di guerra.

Roma, 24 marzo 2016

Popoli

Popoli

colore_rosso.jpg boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif