Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Attualitā

Risparmio energetico: agevolazioni ai condomini

Risparmio energetico: agevolazioni ai condominipannelli-solari-risparmio.jpgpresentazione_condomini.jpgpannelli-solari-risparmio_1.jpgefficientamento_condomini.jpg
Iniziative green

In Italia il 35% del consumo energetico è dovuto a condomìni ed abitazioni private mentre il consumo industriale si attesta attorno al 25%. Il dato generale aiuta a comprendere la portata del pacchetto di agevolazioni in tema di risparmio energetico a favore di condomìni ed abitazioni, deciso dalla Provincia autonoma di Trento su iniziativa degli assessori provinciali Mauro Gilmozzi (Infrastrutture ed ambiente) e Carlo Daldoss (Urbanistica, enti locali ed edilizia abitativa). Nel 2016 i 15 mila condomini del Trentino avranno a disposizione risorse, sotto forma di agevolazioni, fino a 1 milione di euro per tre tipologie di interventi: diagnosi energetica e verifica dello stato di salute del condominio; progettazione ed assistenza tecnica per la realizzazione degli interventi; abbattimento degli interessi derivanti dalla sottoscrizione di mutui per le spese relative agli interventi. Sull’ultimo punto, la Provincia autonoma di Trento ha sottoscritto con un pool di banche le convenzioni per i mutui riservati ai condomìni.

I condomìni per i quali sono previste le agevolazioni sono quelli con almeno 5 unità abitative dotati di amministratore e realizzati prima del 1991.
Le agevolazioni concesse ai condomìni sono di tre tipi:
la diagnosi energetica e la verifica dello stato di salute del condominio;
la progettazione e l’assistenza tecnica per la realizzazione degli interventi individuati nella diagnosi energetica e per i lavori da svolgere contestualmente;
l’assunzione di oneri degli interessi derivanti dalla sottoscrizione di mutui stipulati con istituti bancari convenzionati per le spese relative agli interventi.
In particolare, l’agevolazione relativa alla diagnosi energetica e la verifica dello stato di salute del condominio copre il 50% dei costi sostenuti dal condominio, elevabili al 100% qualora il condominio proceda alla realizzazione degli interventi tramite le agevolazioni previste per la progettazione e l’assistenza tecnica, nonché in caso di assunzione di mutuo con istituti bancari convenzionati.

Qualora il condominio approvi uno o più interventi di riqualificazione energetica, la seconda tipologia di agevolazione copre il 90% degli oneri per la progettazione e l'assistenza.
Il limite massimo complessivo di spesa ammissibile a finanziamento è stabilito nel 10% della spesa relativa ai lavori da realizzare. La spesa massima relativa alla progettazione e l'assistenza non può essere superiore a 30 mila euro, mentre la spesa minima ammissibile non può essere inferiore a 2 mila euro.
Contributi per abitazioni private
La Provincia assumerà a proprio carico gli oneri degli interessi derivanti dall’anticipazione delle detrazioni d’imposta, previste dalle disposizioni statali, per le spese relative agli interventi di ristrutturazione e di riqualificazione energetica, per i proprietari che realizzano interventi sulle case di abitazione.
Attualmente la detrazione fiscale statale è ammessa sul 50% delle spese sostenute in caso di interventi di ristrutturazione edilizia con il limite massimo di detrazione pari a 48.000 euro per ciascuna unità immobiliare e del 65% in caso di riqualificazione energetica con i limiti massimi di detrazione di 100.000, 60.000 e 30.000 euro a seconda della tipologia di intervento.

Nel caso delle abitazioni private, il contributo permetterà di finanziare gli oneri corrispondenti agli interessi relativi ad un contratto di mutuo stipulato con uno degli istituti di credito convenzionati per un importo di almeno 10 mila euro, così da garantire la copertura anche parziale dei costi relativi agli interventi di ristrutturazione edilizia e di riqualificazione energetica.
In ogni caso il contributo non può superare l'onere effettivo degli interessi a carico del mutuatario. Il contributo totale è suddiviso e concesso in dieci rate di pari importo, su una spesa minima di 20 mila euro.
La delibera prevede i contributi anche su spese già sostenute ma fatturate dopo l’entrata in vigore della delibera (21 maggio 2016) e precedenti alla presentazione della domanda.

 

Ulteriori informazioni sono disponibili:
> Condomini
> Abitazioni private

Per saperne di più e per i moduli rivolgersi all'Apiae (Agenzia provincia per l'incentivazione delle attività economiche): numero di telefono 0461 - 499400 o via email apiae@provincia.tn.it.

 

Attualitā

Attualitā

colore_rosso.jpg boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif