Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Scienza e ricerca

Italiani che contano: Roberto Battiston

Italiani che contano: Roberto Battiston asi.jpgRoberto_Battiston_Deputy_Asi.jpg
Spazio tricolore

E' convinto che sia ''nell'interesse di tutti avere un'agenzia spaziale nella quale le attività scientifiche e quelle industriali trovino un modo bilanciato e armonico di procedere''.  Roberto Battiston, classe ’56, nato a Trento, sposato e padre di 4 figli, è il nuovo presidente dell’Agenzia spaziale italiana. E' stato il Ministro per l’Istruzione, Università e Ricerca, Stefania Giannini a conferire l'incarico al professore.

Battiston è ordinario di fisica sperimentale presso l’Università degli studi di Trento, presidente della Commissione II dell’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn), ed è membro del Tifpa (Trento Institute for Fundamental Phisycs and Application), il nuovo Centro Nazionale dell’Infn, il cui presidente Fernando Ferroni ha detto: ''Siamo diventati partner privilegiati su satelliti scientifici americani, russi e cinesi. Sono sicuro che sarà un ottimo Presidente e colgo l'occasione per un grande in bocca al lupo".

Battiston è al culmine di una carriera brillante. Nel 1993 è diventato  ordinario di fisica generale nell'università di Perugia. Nel corso di oltre 30 anni ha svolto la sua attività di ricerca in collaborazioni scientifiche internazionali e negli ultimi 20 anni nel settore spaziale, studiando con altissima precisione i raggi cosmici dallo spazio.

In particolare, nel 1994 assieme al Premio Nobel Samuel C.C. Ting ha proposto la realizzazione di uno spettrometro magnetico per effettuare misure di precisione nello spazio: si tratta dell’esperimento AMS, portato in orbita con lo shuttle nel 2011 e da allora operativo sulla Stazione Spaziale Internazionale. Nel 2012 si è trasferito presso il Dipartimento di Fisica dell’Università di Trento, per costituire un nuovo centro nazionale dell’INFN, il TIFPA, dedicato alla fisica e tecnologia spaziale nel settore delle astroparticelle.

Ora lo attende un compito importante e impegnativo: un punto di partenza e di rilancio di un settore, quello aerospaziale, che ha un valore strategico incalcolabile. E che vede in palestra anche una sua conterranea: Samantha Cristoforetti, prima astronauta donna italiana, gloria e vanto del Belpaese.

E.Luzza

Scienza e ricerca

Scienza e ricerca

colore_rosso.jpg google_1.png banner_GIF_Sentire.gif banner_hotel.jpg