Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Persone e idee

Roberto Saviano, il potere della parola

Roberto Saviano, il potere della parolaroberto_saviano_giornale_sentire_3.jpg1-grigio.jpgRoberto_Saviano_giornale_sentire_4.jpgroberto_saviano_giornale_sentire_2.jpgroberto_saviano_giornale_sentire1.jpg
Corona Perer

La droga viaggia da Nord a Sud comodamente e in A22. Cioè senza troppi controlli. Ma Roberto Saviano, memore delle polemiche della sua precedente visita al Festival Economia  (quando parlò di mele e mafia) ha subito aggiunto "Ho la sensazione che questa autostrada sia poco presidiata" , anche se le reazioni il giorno dopo non son mancate.

Accolto dalla standing ovation di mille persone mentre centinaia di persone lo ascoltavano  in piazza, Saviano ha di nuovo fermato la città catalizzando il pubblico in una giornata cruciale con tanti ospiti: Letta, Sergio Romano, Stefano Rodotà. Ancora una volta lo scrittore partenopeo ha firmato un intervento di quelli che fan pensare. In sostanza ha rivelato che la crisi ha in realtà fatto ricco un settore: il narcotraffico.

Si è infatti ampliato il potere di acquisto della mafia: ha una liquidità straordinaria, maggiore a volte di alcune banche, e sta comprando tutto, titoli di stato, aziende. Come sta succedendo in Grecia, in Andalusia Il narcotraffico ricicla il 97% del denaro sporco nelle banche americane ed europee. La Dea, l'agenzia governativa americana per la lotta alla droga, ha denunciato che lo scorso anno il narcotraffico ha fatturato 352 miliardi di dollari.

L'allarme sull'inquinamento economico e sociale della mafia in Italia e nel mondo non va sottovalutato. "La politica dovrebbe mettere tra le proprie priorità la lotta al narcotraffico e i cittadini non dovrebbero liquidare il problema come qualcosa che c'è sempre stato', perché il narcotraffico è un colosso della finanza mondiale, tanto da poter parlare oggi di narcocapitalismo''.

Saviano, dall'Auditorium Santa Chiara ha parlato di vera e propria contaminazione del denaro del narcotraffico nella finanza internazionale. Un allarme che lo ha spinto a condurre per sette anni un'inchiesta sul narcotraffico, pubblicata di recente nel suo ultimo libro ‘Zero, zero, zero ‘.

‘'L'economia che regola le nostre vite e' stata decisa più dalla mafia, dai messicani Padrino e Majico (Pablito Escobar) figure potenti dei cartelli del narcotraffico, che da presidenti come Reagan e Gorbaciov'', ha affermato Saviano, ripercorrendo la nascita dei cartelli messicani negli anni'80, che acquistano un potere straordinario con la distribuzione della coca piuttosto che con la produzione.

L'allarme di Saviano non risparmia la politica italiana, che a differenza degli Stati Uniti ‘'che hanno inserito camorra e ‘ndrangheta tra i cinque pericoli nazionali, non ha parlato del problema mafia neanche nella recente campagna elettorale''. Il grido di allerta di Saviano riguarda anche il Nord dell'Italia, dove ‘'a differenza del Sud, dove le autorità riconoscono i pericoli della criminalità mafiosa, si tende a non riconoscere il potere tentacolare della mafia che porta, anche attraverso l'arteria dell'Autobrennero, quindi passando anche dal Trentino, quantitativi ingenti di cocaina, come alcune recenti operazioni della Guardia di finanza hanno dimostrato.‘'

Al nord spesso sono le aziende in crisi che cascano nella rete mafiosa, come ha dimostrato l'operazione Aspide in Veneto. La criminalità organizzata ha una forte liquidità che permette di fare credito; i mafiosi sanno come sbloccare le licenze per aprire un locale, sanno chi corrompere. ‘'Il mafioso non è quello che ti punta la pistola in faccia - ha sottolineato - ma è quello che sa come far partire un cantiere, quale personaggio del comune corrompere, quale vigile urbano intimidire.

‘'Oggi il traffico di droga - ha osservato ancora Saviano - e' un business molto redditizio che richiede un'organizzazione complessa, capace di crimini efferati, di violenza inaudita. Si tratta di una plaga che deve essere affrontata nei grandi vertici dei G8, o dei G20. Non possiamo più relegare il problema del narcotraffico al rango di questioni di criminalità, perché la mafia è un impero finanziario'' ed ha ricordato le parole di un dirigente dell'Onu nel 2007. "L'unico capitale di investimento liquido per molte banche viene. 'Le banche di New York e di Londra sarebbero le più grandi lavanderie del mondo ove si ricicla il denaro sporco del narcotraffico. La prima cosa che chiederei a Letta è di approvare norme dell'antiriciclaggio più severe''.



> I servizi di SENTIRE dal Festival dell'Economia di Trento


 

Persone e idee

Persone e idee

colore_rosso.jpg 185x190.gif google_1.png boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif