Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Attualità

Spreco alimentare: modelli di risposta

Spreco alimentare: modelli di rispostatrentino_solidale.jpgtrentino_solidale_giornale_sentire_1.jpgtrentino_solidale_giornale_sentire_2.jpgbanco-alimentare.jpg
Trentino Solidale Onlus

Trentino Solidale Onlus è stata la prima (16 anni orsono) a raccogliere il cibo prossimo a scadenza dai supermercati per distribuirlo ai centri povertà: 200 volontari e 17 furgoni che partono anche alle 5 e mezza del mattino, per raggiungere 68 supermercati e 250 cooperative del Trentino Alto Adige.

Nel 2014 hanno percorso 400.000 chilometri raccogliendo 1823 tonnellate di cibo per un controvalore che supera i 3 milioni e 300 mila euro. Il cibo raccolto arriva a 13 enti di povertà e 25 centri di distribuzione, 8 dei quali gestiti dalla stessa Trentino Solidale. Magazzino e ufficio sono aperti con orario continuato dalle 8 alle 18 dal lunedì al sabato tutto l'anno, perchè la fame non va in ferie. Risultato: sono 6000 le persone che mangiano ogni giorno.

Un miracolo organizzativo che ha nel volontariato la sua forza, nella lotta allo spreco e nella ridistribuzione equa del bene alimentare la sua cifra etica. Il costo complessivo di questa operazione è di 194.712 euro (coperti da donazioni liberali e contribuzioni della Pat) con costi vivi in carburante di poco superiori ai 65.000 euro.

Una mole di lavoro straordinaria che dopo aver messo in cima ai pensieri i poveri e gli indigenti ha saputo allargare le braccia anche ai nuovi poveri o agli esclusi accogliendo 208 soggetti affidati per lavori di pubblica utilità in alternativa al carcere (per 20.800 ore di servizio), e anche le vittime della crisi.

“Noi li chiamiamo Lasu e sono degli onesti imprenditori o artigiani con dipendenti che hanno tentato di resistere alla crisi, ma ne sono stati travolti con lo sgarro magari di qualche socio rimanendo senza lavoro e senza patrimonio e sono stati condannati per bancarotta. Sono amici che guai lasciarli soli, vanno incoraggiati, sostenuti, inseriti. Vanno valorizzate le loro professionalità, le loro competenze e trovato loro lavoro con il passaparola e a questo continuerò a dedicarmi in futuro” ha detto in occasione dell'ultima assemblea dei soci Francesca Ferrari, presidente per tre mandati di Trentino Solidale Onlus.


www.giornalesentire.it - maggio 2015

Attualità

Attualità

185x190.gif colore_rosso.jpg google_1.png boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif