Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Arte e cultura

Tesori dal passato, restaurati e splendenti

Tesori dal passato, restaurati e splendentiScagliola_con_Antonello_Pandolfo.jpgAlessandro_Vittoria_busto_in_marmo_-_dopo_il_restauro.jpg
Dieci anni di acquisizioni

Trento 21 novembre 2014 - L’iniziativa su dieci anni di acquisizioni inaugurata nei mesi estivi a Sanzeno dalla Soprintendenza per i Beni culturali prosegue a Trento con un doppio percorso espositivo organizzato con il museo del Castello del Buonconsiglio e il Comune di Trento. Le mostre, incentrate sull’Ottocento e il collezionismo Thun, saranno aperte fino al 1° febbraio 2015 ad ingresso libero.

Si rinnova così l’opportunità di scoprire i piccoli e grandi capolavori acquisiti alle collezioni provinciali in un decennio di ricerche e convergenze tra pubblico e privati per i fini della conservazione e della fruizione pubblica di un’eredità comune. L’iniziativa “Tesori dal passato”, inaugurata con la grande mostra su dieci anni di acquisizioni presentata in Casa de Gentili a Sanzeno nei mesi estivi, prosegue a Trento con un doppio appuntamento espositivo, in programma dal 22 novembre al 1° febbraio 2015 nelle due sedi di Torre Vanga e Cappella Vantini; il progetto, ideato da Laura Dal Prà, nel suggestivo allestimento di Michelangelo Lupo rievoca le atmosfere dei palazzi trentini in età romantica.

È dedicata alle “Acquisizioni per l’Ottocento” la piccola ma significativa ‘digressione’ organizzata dalla Soprintendenza per i Beni culturali, a cura di Luciana Giacomelli e Laura Dal Prà, nella sede di Torre Vanga (piazza della Portèla 1). Il percorso intende offrire una preziosa campionatura del complesso e oculato lavoro di incremento delle collezioni pubbliche condotto dalla pubblica amministrazione con particolare riguardo ad un secolo non ancora sufficientemente valorizzato nelle sedi museali. Ecco quindi l’occasione per apprezzare, tra l’altro, alcune limpide Vedute di Trento di Giuseppe Canella, in un confronto inedito e suggestivo con la veduta della città esemplarmente presentata da una rara carta da parati; il gusto dell’epoca si riflette anche nei salotti di casa Crivelli, che in mostra ripropongono lo stile di vita e i piaceri di una casata signorile. Superba, tra tutte le opere, la scultura di Innocenzo Fraccaroli raffigurante Atala e Chactas, proveniente dalla collezione della famiglia Salvotti de Bindis di Mori.

Negli ambienti della Cappella Vantini di Palazzo Thun (via delle Orne 1) si sviluppa la seconda proposta dal titolo “Ritorno a casa. Opere ritrovate della collezione Thun”, organizzata con il Comune di Trento e il Castello del Buonconsiglio Monumenti e collezioni provinciali a cura di Emanuela Rollandini e Salvatore Ferrari. In questo contesto l’attenzione si incentra su alcune raffinate opere d’arte appartenute alla collezione del conte Matteo Thun (1812-1892), che le commissionò proprio per il palazzo di Trento e per il maniero avito a Vigo di Ton. Acquisite dalla Provincia autonoma di Trento nel dicembre 2013, tali testimonianze oggi “tornano a casa”, grazie ad un’operazione che per una volta consente di ripristinare il nesso vitale tra l’oggetto e il contesto di provenienza.

Nella cappella di famiglia, in particolare, i visitatori potranno “incontrare” i personaggi di casa Thun, ritratti dai maestri dell’avanguardia veneta e lombarda dell’Ottocento, e assaporare l’eco di elette conversazioni nutrite di interessi culturali e passioni politiche. Accanto ai volti dipinti da Ludovico Lipparini, Giovanni Pock e Ferdinando Bassi, in dialogo con il prezioso busto marmoreo di Raimondina Thun scolpito da Luigi Ferrari, la mostra raccoglie le Nature morte di fiori “fulgidi e rugiadosi… e quasi olezzanti” di Tommaso Castellini, assieme ad incisioni, vedute, arredi ed una selezione di lettere e volumi di pregio, un tempo conservati rispettivamente nell’archivio e nella biblioteca di famiglia e ora custoditi presso l’Archivio provinciale di Trento.

Le opere esposte andranno poi ad arricchire il patrimonio del Castello del Buonconsiglio Monumenti e collezioni provinciali, vocato fin dalla sua fondazione nel 1924 al compito di conservare ed esporre le testimonianze culturali della terra trentina; nel 2015, l’iniziativa vedrà infine la sua naturale prosecuzione a Castel Thun, a confronto con gli altri “tesori” della committenza thuniana già assicurati alla pubblica fruizione.

All’inaugurazione, venerdì 21 novembre presso le sedi di Torre Vanga (ore 17) e Cappella Vantini (ore 18) saranno presenti l’assessore alla cultura della Provincia autonoma di Trento, Tiziano Mellarini, e l’assessore alla cultura del Comune di Trento, Andrea Robol.




Tesori dal passato
Acquisizioni per l’Ottocento | Torre Vanga, piazza della Portèla 1
Ritorno a casa. Opere ritrovate della collezione Thun | Cappella Vantini, via delle Orne 1
dal 22 novembre al 1° febbraio 2015
Giorni di chiusura: 8 dicembre, Natale e Capodanno
INGRESSO LIBERO

 

Arte e cultura

Arte e cultura

colore_rosso.jpg boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif