Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Popoli

Lampedusa ricorda la tragedia senza fine degli sbarchi

Lampedusa ricorda la tragedia senza fine degli sbarchiLampedusa2.jpglampedusa.jpg1-immigrati.jpgbarcone_migranti-370x270.jpgesodo_3.jpgmigranti_grecia.jpgprofughi.jpg
Esodo & Orrore
Il 3 ottobre è la giornata delle vittime delle migrazioni. Intanto si sbarca e si muore.

Il 28 giugno il Consiglio europeo ha approvato l'estensione per un ulteriore anno dell'operazione navale Sofia nel Mediterraneo centrale, mantenendo l'obiettivo di contrastare i trafficanti di uomini e aggiungendovi quelli della formazione e dello scambio di informazioni con la guardia costiera libica e del controllo sul rispetto dell'embargo sulle armi alla Libia.

Ma dietro alla tragedia degli sbarchi ci sono orribili testimonianze di violenza sessuale, uccisioni, torture e persecuzione religiosa, che confermano la scioccante dimensione degli abusi che migranti e rifugiati subiscono affidandosi ai trafficanti nel percorso verso la Libia e all'interno di questo paese. Una ricerca su una novantina di migranti e rifugiati nei centri d'accoglienza della Puglia e della Sicilia svela come queste persone, arrivate in Italia dalla Libia nei mesi precedenti, abbiano subito abusi da parte di trasportatori, trafficanti, gruppi armati e bande criminali.

Centinaia di migliaia di migranti e rifugiati - attualmente oltre 264.000, secondo l'Organizzazione internazionale delle migrazioni - si trovano in Libia, per lo più provenienti dall'Africa sub-sahariana, in fuga da guerre, persecuzione e povertà estrema e spesso in cerca di salvezza in Europa. Secondo ...


Inserire la password
fornita tramite l'abbonamento:



Popoli

Popoli

copello_sentire.jpg colore_rosso.jpg banner_GIF_Sentire.gif DECENNALE.jpg