Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Viaggi

Tunisia, la leggenda di Didone

Tunisia, la leggenda di Didoneparco_archeologico_23.jpgparco_archeologico_22.jpgparco_archeologico_29.jpgparco_archeologico_18.jpgparco_archeologico_3.jpg
di Corona Perer

Tornando da una missione di arbitraggio tra i Cartaginesi e Massinissa, re di Numidia, disse "Carthago delenda est" ovvero "Cartagine dev’essere distrutta".

Marco Porcio Catone, passato alla storia come Catone il censore, chiudeva in questo modo la sua relazione al Senato, convinto che non fosse possibile né conveniente per i Romani venire a patti con il secolare nemico.

E la leggenda narra che tirò fuori da sotto la tunica un cesto di fichi provenienti da Cartagine, volendo così dimostrare che se il fico, frutto assai delicato, poteva resistere al viaggio da Cartagine, la città africana era troppo vicina a Roma, e quindi andava distrutta. Abbiamo dunque sulla nostra groppa anche questo peccato.

Perchè le coste di Cartagine oltre ad essere davvero vicine e a portata di mano (anzi, di volo: basta un'ora per arrivarci dall'Italia) parlano di una saggezza militare e di una meraviglia naturale, che sono esse stesse leggenda.

Basta visitare il porto punico per capire come Cartagine difendeva le sue navi nascondendole all'occhio nemico. Un' antica tecnica punica che fece dei Cartaginesi, degni eredi di quei Fenici da cui discendevano.

Secondo lo storico greco Timeo, la fondazione di Cartagine risalirebbe all'814 a.C. ad opera di coloni fenici provenienti dalla città di Tiro. A capo di quei...


Inserire la password
fornita tramite l'abbonamento:



Viaggi

Viaggi

Isgr.jpg banner.jpg colore_rosso.jpg banner_gusti.jpg banner.jpg DECENNALE.jpg logoViaggiareSicuri.jpg