Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Persone e idee

Galimberti ''Disagio giovanile? No disagio di civiltą''

Galimberti ''Disagio giovanile? No disagio di civiltą''umberto_galimberti_al_sociale_5.jpgUSA_QUESTA.jpgumberto_galimberti_al_sociale_8.jpgUSA_QUESTA-001.jpgumberto_galimberti_al_sociale_11.jpgumberto_galimberti_al_sociale_1.jpg
15/03/2014

(Trento) - Un Teatro Sociale gremito ha accolto calorosamente (venerdì 14 marzo) il ritorno a Trento del filosofo e psicanalista Umberto Galimberti per un incontro incentrato sui disturbi alimentari e il disagio giovanile, alla vigilia della Giornata dedicata alla riflessione su anoressia e bulimia promosso dalla Fondazione Caritro.
Anoressia, bulimia e consumo di droghe sono solo alcuni dei problemi che fanno stare male molti giovani della nostra società.

“Se i ragazzi bevono, si drogano, se dormono fino a mezzogiorno, è perché non vogliono vivere nel tempo del giorno”, è infatti alla cultura, più che alla psicologia, che il filosofo Galimberti riconduce molti problemi del disagio giovanile della nostra società. Crescente inoltre il fenomeno che vede sempre più ragazzi sostituire i pasti con il consumo di bevande alcoliche. Allarmante anche il dato riferito al tasso di suicidi fra i giovani, che sarebbero due al giorno.

Nel corso di un entusiasmante quanto “crudo” tuffo tra riferimenti filosofici importanti, da Nietzsche a Feuerbach, incalzato dalle domande della direttrice di SENTIRE, Corona Perer, moderatrice dell’incontro “Generazioni orfane di futuro”, Galimberti ha accompagnato il numeroso pubblico - accorso per l’occasione -  in un percorso di riflessione improntato al realismo, capace di leggere la nostra societ&a...


Inserire la password
fornita tramite l'abbonamento:



Persone e idee

Persone e idee

Isgr.jpg colore_rosso.jpg DECENNALE.jpg