Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Viaggi

Urbino Resort, pace e silenzio

Urbino Resort, pace e silenzioURBINO_RESORT_Abbazia__La_Canonica_esterno.jpg1-URBINO_RESORT__DIMORA_LE_AROMATICHE_Salvia_6.jpg1-URBINO_RESORT__DIMORA_LE_AROMATICHE_Salvia_8.jpg1-URBINO_RESORT_CENTRO_BENESSERE_4_-_Terrazza_relax_B.jpg1-URBINO_RESORT_ESTERNI_8-Dimora_I_FRUTTI_DIMENTICATI.jpgURBINO_RESORT_Camera_con_Vista_3_ph_Silvano_Bacciard.jpgURBINO_RESORT_GIORNALE_SENTIRE.jpg
Antiche dimore

Regalarsi una vacanza da queste parti è volersi bene: pace e silenzio sono assicurati.  La Tenuta ed il complesso sono frutto di una meticolosa ristrutturazione che ha riportato alla luce le dimore coloniche di un antico borgo, compresa una suggestiva Abbazia del XIV secolo.

Qui è possibile fare la degustazione di vini bio dalla nuova produzione della Tenuta che ha acquisito certificazione biologica I.M.C. al 100%, dalla coltivazione alla vinificazione.
La felice esposizione delle aree impiantate a vigneti, l'attenta gestione agronomica e l’impegno costante nella conduzione eco-sostenibile, hanno animato dieci anni di attività e di un culto agricolo tramandati da generazioni sui territori di San Giacomo in Foglia.

L'Azienda offre una selezione di vini che rappresenta un traguardo in termini di eccellenza e qualità. La selezione dei vini comprende un corposo vino rosso, dalla vendemmia di settembre 2012, e un vino bianco e due bollicine vendemmiati a settembre 2013, le cui etichette portano nomi legati alla tradizione della famiglia Bruscoli e alla storia del luogo.

Dedicato al nonno Ercole, il Fortercole (Blend 50% Merlot – 50% Syrah) è un vino rosso elegante, di grande personalità che si presta ad un lungo invecchiamento; il Bellantonio (Incrocio Bruni in Purezza 54 100%) in ricordo del nonno Antonio, è un bianco fresco, profumato e giovanile; Isabecta Brut (100% Verdicchio) e Isabecta Rosato (100% Sangiovese) vini spumanti di qualità, freschi, beverini e adatti a tutte le situazioni, portano invece il nome di IsaBecta de Lominis, madre di Giovanni Santi e nonna del celebre Raffaello, che nel XV secolo ricevette in dote parte della Tenuta nella quale oggi viene prodotto il vino.

L'accoglienza è squisita. "Urbino Resort" è il frutto di una meticolosa ristrutturazione che ha riportato alla luce le dimore coloniche di un antico borgo nel territorio urbinate di San Giacomo in Foglia, altrimenti destinato all’abbandono e privato della sua antica vitalità. Non un semplice restauro ma piuttosto un’opera che ha ridato nuova vita e funzione all’ex villaggio rurale.  Oggi è un albergo diffuso affascinante nella sua quieta e rassicurante bellezza. Lo abbiamo visitato per voi nelle prime nebbie autunnali di ottobre. Una passeggiata nel silenzio è meditazione e contemplazione. Tra le corti, i giardini o le acque della piscina (che si apre sul belvedere settentrionale) si intravvede il Montefeltro in tutto il suo fascino.

E' una sorta di Hotel diffuso composto da varie unità (ci sono 32 alloggi per 86 posti letto complessivi) aperte su scenari paesaggistici e architettonici mozzafiato tra porticati, mantenuti intatti, vialetti e sentieri erbosi, piante di limoni in vaso, splendidi roseti e un orto botanico pensato come un guardino all'italiana.

Nei primi anni Novanta, il Borgo era in condizioni critiche e si avviava a decomporsi lentamente nel romantico paesaggio che da sempre lo circonda. Attraverso un meticoloso e filologicamente rispettoso restauro, affidato all’architetto Massimo Bottini ed un appassionato lavoro di Interior Design coordinato da Alberto Bruscoli, l’ex borgo contadino ha ritrovato la sua sobria eleganza, aprendo le porte agli ospiti nell’autunno del 2007.

Grazie ad un  restauro precedente era già stata riaperta al culto anche l’Abbazia del XIV secolo dedicata ai Ss. Giacomo e Filippo dove ancora oggi il culto è garantito: ogni domenica viene celebrata la Santa Messa.. Particolarmente suggestiva la festa della “Madonna del Giro” della Valle del Foglia, che ha in questa piccola chiesa una delle tappe fondamentali: ogni dieci anni viene ospitato il venerato quadro della Vergine, detta appunto Madonna del Giro.

E’ stato proprio in occasione della ricorrenza del 1993 che Antonio e suo figlio Gianfranco Bruscoli hanno dato il via ai lavori di restauro dell’Abbazia, proseguendo, dal 1996 circa, con il recupero degli altri edifici.
Il risultato è quello di un Resort che coniuga il gusto contemporaneo con il fascino intatto delle atmosfere dei secoli passati, nel rispetto della scenografia naturale e delle sue radici storiche ma altresì degli standard qualitativi più evoluti.

"La  ristrutturazione è stata svolta con estrema umiltà e pazienza, lasciando che fossero la natura e i vecchi fabbricati a parlare e guidare i lavori" spiegano i proprietari. Un recupero eseguito nella convinzione che anche l’intervento dell’uomo, se guidato da rispetto e amore per la natura, possa migliorare il paesaggio circostante. Così è stato.

Le opere di bioarchitettura insieme all’uso di malte naturali come l’albazzana  o il coccio, la sagramatura o “velo del sacrificio” (sistema di protezione del mattone con una malta al posto dell’intonaco), hanno riportato alla luce le strutture originali senza stravolgerne alcun dettaglio e piuttosto evidenziandone le caratteristiche.

Il rispetto della natura e l’amore per il paesaggio si è trasferito anche nell’adozione di sistemi eco-compatibili che prevedono la creazione di energia attraverso i pannelli solari, la raccolta dell’acqua piovana per irrigare i campi dell’azienda agricola e l’utilizzo di materiale di scarto come combustibile per la caldaia a legno del Resort e dell'attiguo Centro Benessere.

E non manca l'eco-shop con i prodotti bio della tenuta agricola: olio, vino, miele. Completa l'offerta un ristorante dove si coltiva la pizza bio ad alto livello con farine extra-garantite e lievitazione naturale e un piccolo ristorante tipico "La Canonica" addossato all'Abbazia dallo stile intimo e molto sobrio. Ed è qui, pensiamo, che lo chef stellato da Michelin, Stefano Ciotti, darà al Resort il must che tutti cercano: pace e...gusto.

(C.Perer)

> L'Oasi Faunistica LA BADIA
> Land Art: l'artista che ha arato un cuore

Viaggi

Viaggi

banner.jpg colore_rosso.jpg viaggio_2.jpg banner_gusti.jpg banner_hotel.jpg logoViaggiareSicuri.jpg