Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Viaggi

Cipro, il rito del Mezé

Cipro, il rito del MezéDSC_0008.jpgDSC_0011.jpgDSC_0208.jpgVouni_11-001.jpgDSC_0183.jpgcipro_giornale_sentire55.jpgfrittata_cipriota.jpgARSOS_4.jpgARSOS_5.jpgomodos_6.jpg
Siga...siga

 di Corona Perer - E' la terra del...Commandaria. Nell'isola di Cipro il vino si coltivava già 2500 anni fa. Lo si conservava in mastondotici otri di coccio, alcuni dei quali sono arrivati a noi. Ad Omodos c'è il torchio più antico, ma in tutta l'isola chi ama degustare il vino buono trova cantine e prodotti di grande qualità.

La cucina cipriota è fatta di due componenti: tradizione e....sorriso. L'ospitalità dei ciprioti è sempre calorosa e bonaria e a tavola sono come gli italiani: amano starci e a lungo. E si comincia sempre con tanti assaggini come la carne di capra essiccata di capra, la tsamarella ricoperta di sale e origano.
Forse questo "piacere" glielo abbiamo lasciato in eredità proprio noi che sull'isola abbiamo governato prima con l'impero romano e poi con i veneziani. Cipro da buon crocevia nel Mediterraneo orientale ha risentito di varie e numerose dominazioni delle quali si trovano traccia - ancora oggi - a tavola.

George è il patròn della taverna Seven Saint Georges che dirige insieme ai figli Damian & Ben nel vilaggio Geroskipou (Yeroskepos)  è un po' il punto di riferimento sia storico che accademico. Studioso della cucina cipriota, per i suoi piatti utilizza esclusivamente prodotti locali e freschi, di stagione. E' una vera istituzione e la sua tav...


Inserire la password
fornita tramite l'abbonamento:



Viaggi

Viaggi

Isgr.jpg banner.jpg colore_rosso.jpg banner_gusti.jpg banner.jpg DECENNALE.jpg logoViaggiareSicuri.jpg