Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Viaggi

Stagione invernale, Trentino innevato

Stagione invernale, Trentino innevatoIMG-20141228-WA0008.jpgtires.jpgFototeca_Trentino_Sviluppo_by_Daniele_Lira.jpgklausberg-0738_HDR_b.jpgPale_di_San_Martino_ph._Marcello_Soffiati.jpgservizio-piste-3-1_imagefullwide.jpg
a tutta neve, tante novitā

L’inverno è entrato nel vivo: la leggera nevicata dei giorni scorsi ha regalato un risveglio bianco al Trentino. Nel frattempo, grazie alla professionalità di oltre 1.500 addetti e al capillare sistema di innevamento programmato, la maggior parte delle piste da sci è perfettamente fruibile. La stagione entra così nel vivo con le settimane bianche e molte iniziative come Trentino SkiSunrise, proposte dedicate al wellness e all’outdoor, grandi eventi sportivi.  

Le piste sono in ottime condizioni grazie all’innevamento programmato, oltre l’80% degli impianti nei comprensori sciistici del Trentino è aperto. Grazie alla leggera nevicata che regala un panorama più “invernale”, agli investimenti economici fatti e alla grande professionalità degli addetti ai lavori, i comprensori sciistici si presentano al meglio, come testimoniano anche i numerosi sciatori che stanno trascorrendo le loro giornate sulla neve. A rendere la piste perfette provvede un piccolo esercito di addetti e tecnici, pronto ad intervenire al calar del sole

A Madonna di Campiglio l’intera skiarea  è percorribile e tutte le zone risultano collegate. Con l’entrata in funzione della zona 5 Laghi e del collegamento sci ai piedi con Folgarida-Marilleva sono 35 i chilometri di piste percorribili e 55 quelli a disposizione nella Skiarea Campiglio Dolomiti di Brenta.
Nella skiarea di Pinzolo sono aperti la telecabina e la seggiovia che salgono in cima al Doss Sabiòn e la pista Rododendro.
Cinque le piste percorribili nella località di Peio. Sulla Paganella si scia su 12 piste che scendono sul versante di Fai della Paganella-Santel e di Andalo.

Sul Monte Bondone è in funzione la seggiovia Montesel a servizio delle piste Diagonale e Cordela e si lavora per garantire nel corso della prossima settimana il collegamento sci ai piedi con Vaneze con l'apertura dell'impianto 3-Tre dotato di nuove seggiole e delle piste Lavaman e 3-Tre.
Sull’Alpe Cimbra, invece sono aperte 13 piste servite da 13 impianti. Aperte le zone di Alpe di Folgaria – Coe, Fondo Piccolo, Fondo Grande e Ortesino collegate sci ai piedi. Inoltre disponibili anche 3 piste servite da 3 impianti sulla skiarea Lavarone in zona Tablat e Vezzena, nonché l’area primi passi in località Bertoldi.

In Val di Fassa sono aperti il 72% degli impianti ed è percorribile il 40% del totale delle piste e si scia in tutte le skiarea: Canazei-Belvedere, Campitello-Col Rodella, Alba-CIampàc, Pozza-Buffaure, Vigo-Catinaccio e Carezza. Il Sellaronda e anche lo Skitour Panorama sono percorribili in entrambi i sensi. Piste e impianti in funzione anche a Passo San Pellegrino.
In Val di Fiemme si scia sull’Alpe Cermis, nella skiarea di Bellamonte-Alpe Lusia, mentre nello Ski Center Latemar di Pempeago-Predazzo-Obereggen è percorribile il 70% delle piste.
A San Martino di Castrozza sono aperti alcuni impianti con annessa pista sull’Alpe Tognola e  la telecabina di Col Verde con la pista, la funivia della Rosetta, una delle sciovie a Prà delle Nasse, la pista Ces e la seggiovia Valbonetta.

Le novità di questa stagione? Eccole. A Passo San Pellegrino è già un successo per “VolatA” la nuova pista nera che, partendo dai 2.510 metri della stazione a monte della funivia Col Margherita, riporta, quasi tutto d’un fiato, ai 1.879 metri del passo. Uno sviluppo complessivo di 2.350 metri e 631 metri di dislivello che presenta pendenze massime di quasi il 57% (e medie di circa il 30%).

Nella vicina skiarea Alpe Lusia, sul versante di Bellamonte, è stata inaugurata la nuova cabinovia Bellamonte 3.0 New Gondola. Tre stazioni (a valle, intermedia, a monte) per un impianto a basso impatto paesaggistico, che ha sostituito le due vecchie seggiovie Castelir-Fassane e Fassane-Morea eliminando dalle piste da sci 13 piloni. Con una portata oraria di 2.200 p/h, l’impianto risponde alle esigenze di sicurezza di tutti compresi bambini e disabili. La cabinovia sarà accessibile anche agli utenti della pista per slittini “Fraina”, che è stata ulteriormente allungata.

Nella skiarea di Canazei la novità più importante riguarda la revisione della cabinovia Pradel-Rodella con nuove gondole panoramiche e una serie di interventi migliorativi sulle piste nella zona del Belvedere.
In Val di Fiemme l’Alpe Cermis si fa ancora più accogliente per le famiglie e i bambini. Le novità si possono scoprire al parco divertimenti di giochi nella neve Cermislandia. E nell’area di Doss dei Laresi il restyling delle strutture in quota, iniziato con il lounge bar La Baita Tonda, è proseguito con la ristrutturazione e l’ampliamento del Ristorante Baita Dosso Larici.

Anche a San Martino di Castrozza-Passo Rolle le novità interessano gli sciatori più piccoli: in particolare sull’Alpe Tognola, dove troveranno la nuova area Baby & Fun. Il potenziamento dell’impianto di innevamento programmato nelle zone di Ces, Colverde e Alpe Tognola assicura una neve perfetta. per il quattordicesimo anno è stata riconfermata la richiesta di personale specializzato del Corpo Forestale del Trentino per lo svolgimento del servizio sulle piste da sci. Dopo la ricognizione effettuata dal Servizio Impianti a fune e piste da sci.

Anche nella prossima stagione a vigilare sulla sicurezza e a fornire il Servizio piste sarà il Corpo forestale provinciale (CFT), presso le seguenti aree sciistiche: Polsa-San Valentino, Peio, Panarotta, Passo Brocon e Bolbeno.Gli operatori del Corpo forestale che sono impiegati sono 25 più il coordinatore, così distribuiti: 4 a Polsa-San Valentino, 6 a Peio, 4 a Panarotta e a Bolbeno e 3 al Passo Brocon. 4 operatori rimangono peraltro di supporto in caso di necessità.

www.giornalesentire.it - 2017

Viaggi

Viaggi

banner.jpg DECENNALE.jpg colore_rosso.jpg banner_gusti.jpg banner.jpg logoViaggiareSicuri.jpg