Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Arte e cultura

Sandro Tomanin, arte su su vetro

Sandro Tomanin, arte su su vetro vetreria_artistica_30.jpgvetreria_artistica_33.jpgvetreria_artistica_5.jpgsandro_tomanin_vetreria_artistica_giornale_sentire-001.jpgEMPTY_2_Rovereto.jpgsegmenti_3-001.jpg
Storie di ingegno

di Corona Perer - La sua è una piccola grande azienda. Piccola perchè interamente a gestione familiare. Grande perchè sa confrontarsi con la storia dell'arte e maneggiare un materiale antico e ancora misterioso con tecniche che prevedono l'uso di smalti, grisaglie in ossido di piombo, pigmenti sciolti in acqua e aceto, attente cotture, ritagli e composizioni: tutto rigorosamente a mano, pezzo per pezzo.

Sandro Tomanin, l'artigiano-artista di San Bellino (Rovigo) che per la sua bravura a maneggiare il vetro ha avuto il  complesso compito di restaurare un antico rosone della Cappella degli Eremitani a Padova,  ha presentato presso EMPTY di  Rovereto (Tn) un ciclo di opere dedicato ad Albrecht Dürer (nove formelle su vetro che resteranno esposte fino al 1 marzo 2015).

Fondatore e titolare della Vetreria d'Arte F.lli Tomanin, ha un lungo percorso di studi artistici alle spalle: maestro d'arte diplomato all'Istituto Dosso Dossi di Ferrara, raggiunta la maturità artistica si è trasferito a Firenze per frequentare i corsi di arte e restauro di Palazzo Spinelli esperienza che risulterà fondamentale per l’acquisizione delle tecniche antiche.

Dopo gli studi artistici che lo portano ad avere grande confidenza con i soggetti d'arte torna a San Bellino decide di fare il pittore. E' a quel punto che avviene il suo fatale incontro con il vetro: una ditta locale gli offre di fare decorazioni e pitture su specchi e vetro, ed è così che conosce la tecnica della sabbiatura e della legatura a piombo.

Da artista formato.... diventa artigiano autodidatta. Con la passione di un vetraio medievale si  impegna a tempo pieno in una passione nuova e fortissima. Dal primo garage fa il grande salto, negli anni '90 nel laboratorio che si affaccia nella piazza di San Bellino. Chiama e assume i due fratelli, Franco e Fabrizio, acquista nuove attrezzature e sviluppa la tecnica della sabbiatura.

La villa attigua al laboratorio - che restaura -  diviene il suo prestigioso show-room. Entrando si conosce un mondo dove la precisione, la manualità e l'abilità artistica vanno di pari passo con i più innovativi sistemi di progettazione e grafica computerizzata.
La vetreria adotta per prima i  sistemi digitali legati al disegno, mantenendo però una forte manualità in ogni opera. Nel 1998 le prime prestigiose commissioni: vengono rifatte le vetrate di villa Molin Avezzù a Fratta Polesine.



< L'ingresso dello show room
fotoservizio: Giornale SENTIRE
riproduzione di testi e foto riservata




Nel 2000 si realizzano le vetrate istoriate per la Basilica di San Bellino, due delle quali donate alla Comunità. Poi è l’esclusivo Hotel Hermitage di Monte Carlo, a chiedergli un grande vetro sabbiato e illuminato per la sala Eiffel. Ora il mercato lo sta spingendo verso la Russia e l'Est Europa.

L'anima artistica dell'azienda è restata quella di Sandro, le mani e la precisione sono dei suoi collaboratori in camice bianco. Il tavolo su cui operano è un laboratorio di alta precisione dove si salda, si martella, si fissa, si compone. Nascono qui le lampade in stile e tecnica Tiffany, i complementi di arredo e l'oggettistica.

Oggi il lavoro di arte sacra si affianca ai progetti per l'illuminazione e all'arredamento. Lavori che non sono mai pagati come si dovrebbe, e che garantiscono a chi se ne circonda il piacere dell'unicità e della sapienza artigianale italiana.




< ogni pezzo è assolutamente unico

 

Villa Adriana a San Bellino piccolo comune (recentemente insignito tra i comuni “virtuosi”) è il quartier generale di questa eccellenza.

Le vetrate della Chiesa di San Martino in Variano, che riportano alcuni passaggi della storia del Santo il cui corpo è stato rinvenuto da un cane in seguito ad un’alluvione, sono uno degli eccellenti esempi della maestria e raffinatezza raggiunta dall’azienda sanbellinese, che alcune vetrate le ha anche donate alla propria comunità.

Nella foto ( < a fianco) l'artigiano sta controllando la porzione di un soffitto...di vetro artistico retroilluminato per un bagno. E' questa, ormai, una delle sue specialità che piacciono tanto al mercato arabo e russo.

Per i suoi meriti di imprenditore è stato nominato cavaliere del lavoro per aver sempre saputo coltivare progetti ambiziosi. E presto Sandro Tomanin sarà al Salone del Mobile dove promette di portare alcune lavorazioni mai viste sinora. C'è da credergli.

Corona Perer febbraio 2015
riproduzione di testi e foto riservata





LEGGI
> "Specchio d'Autore"
> Sandro Tomanin artigiano-artista
> "Tutto Tiffany" nello spazio Empty di Rovereto
> Omaggio ad Albrecht Durer
> Visita il sito VETRERIA D'ARTE F.LLI TOMANIN
> Segui Sandro Tomanin su Facebook
> Corsi di Vetreria d'arte: gli appuntamenti
> EMPTY, spazio per artigiani di valore
 

Arte e cultura

Arte e cultura

colore_rosso.jpg boccetta_gucci_bamboo_spot_2.jpg photo.jpg banner_GIF_Sentire.gif