Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Popoli

Matmata, sorrisi Berberi

Matmata, sorrisi Berberimatmata_48.jpgmatmata_44.jpgmatmata_61.jpgmatmata_62.jpgmatmata_65.jpgmatmata_67.jpg
Viaggiare in Tunisia

(di Corona Perer) - In cucina c'è tutto. Magari non c'è il frigorifero: non serve, visto che questa casa è pensata per stare al fresco.
Inoltre si fa magazzino di alimenti liquidi e secchi, mentre si è parsimoniosi su carne (si acquista il quantitativo necessario) e verdura, che si mangia soprattutto cotta.
Ma la scorta c'è: la cassettina delle uova, quella dei peperoni per la salsa piccante che domina su ogni tavola tunisina, la menta fresca che serve per il tè.

La cucina berbera appare un affresco - stampato sul muro - di otri e giare, con il miele, l'olio, la semola di frumento per il cuscus, l'orzo (che viene raccolto ancora verde e poi tostato), il fieno greco, le lenticchie, il cumino, i datteri.

La casa è scavata nella roccia: l'abitazione tipica dei "trogloditi" termine che sembra stridere con il termine più corretto di "Berberi" ha una sua tradizione architettonica. Prima si scava il patio e poi le celle interne: la cucina, il soggiorno, la camera da letto con rudimentale doccia, la stanza per i giochi dei bambini, la stanza per il forno e quella per la macina. Sulla porta c'è la coda di un pesce: portafortuna e scaccia-malocchio.

Nel magazzino c'è qualche corda, della legna per il forno, una pelle di cinghiale (animale che non si mangia e serve solo come pellame) e lo stomac...


Inserire la password
fornita tramite l'abbonamento:



Popoli

Popoli

copello_sentire.jpg colore_rosso.jpg banner_GIF_Sentire.gif DECENNALE.jpg