Giornale sentire img1 Giornale sentire Logo Giornale sentire img2
Viaggi

Salisburghese: Werfenweng il paese-albergo

Salisburghese: Werfenweng il paese-albergopasseggiata_a_cavallo_7.jpgbaita_blu.jpgbaita2.jpgmobilit_dolce_10.jpgmobilit_dolce_2.jpgmobilit_dolce_5.jpgpasseggiata_a_cavallo_10-001.jpgDSC_0009.jpghotel_21.jpghotel_travel_charme_giornale_sentire.jpghotel_travel_charme_giornale_sentire3.jpgDSC_0006-002.jpgzell_am_see_8.jpg
In vacanza senz'auto

Come fa un paese di 950 anime ad avere 2000 posti letto e almeno 250.000 pernottamenti l'anno e rimanere se stesso? Con un sindaco di quelli di altri tempi. E' in carica da 26 anni Peter Brandauer e in questo periodo le ha pensate tutte: si premiano i turisti che arrivando  rinunciano ad usare l'auto e consegnano le chiavi all'ufficio turistico. Si premiano ancora di più quelli che arrivano in treno: in stazione troveranno il taxi free. Si premiano le mamme che portano i figli a scuola a piedi e non in macchina, si incentivano le imprese locali che producono mobilità dolce e libera da emissioni, anche fosse una slitta trainata da cavalli.

E' così che Werfenweng è il paese più verde che c'è anche quando è tutto bianco (e qui di neve ne arriva tanta). Un paesino che non ha perso la sua anima, con le donne in gonnellone e gli uomini in giacche di lana cotta tirolese: un paesino incantato e tipico, perchè questo vuole restare.

Werfenweng è di fatto un immenso albergo, con strutture alberghiere e chalet di lusso ma anche B&B più economici e assolutamente accessibili a tutti. Ha però un suo prodotto specifico: il silenzio, la quiete. Il tutto incastonato in un panorama mozzafiato incastonato in una cornice di monti che regala albe e tramonti stupefacenti.

Siamo in Austria, nel Salisburghese, in una delle valli a sud della culla natale di Mozart. Qui si è deciso di dare a quei clienti che hanno una certa capacità di spesa un lusso speciale: la vita di paese, nella natura, dentro un mondo antico pieno di sapori autentici.

Entrare in questo pittoresco villaggio alpino del Salisburghese,significa dimenticarsi della fretta, rallentare il ritmo, cercare (...e trovare!) la propria tranquillità interiore. L’ampio fondovalle, pianeggiante, è lo scenario ideale per rilassanti passeggiate al sole: in estate tra i prati fioriti e il fieno appena tagliato e in inverno lungo percorsi di neve battuti.
 

< notti incantate e...albe silenziose
sulla Strobl-Haus una baita di 400 anni trasformata
in ristorante tipico (foto C.Perer)



Disteso a 900 metri di quota nel cuore della regione Pongau, sorge su un altopiano dove il sole non manca mai. Qui il turismo è un’attività fondamentale per tutta la comunità. Werfenweng ha saputo competere con le rinomate località turistiche vicine perchè ha saputo fornire un valore aggiunto: la sua tipicità paesana, nel senso più bello del termine. La scelta vincente? Puntare sulla mobilità dolce (qui la chiamano "samo" in tedesco sanfte Mobilität).

Da pioniere il paese ha promosso un approccio economico e turistico consapevole, basato sulla sostenibilità e sulla tutela del clima e della natura, con l'intento di preservare uno spazio vitale e culturale tipico delle Alpi.

A Werfenweng ci si arriva agevolmente anche in treno: la stazione di arrivo dall'Italia e da Salisburgo è Bischofshofen, poi in 10 minuti si sale verso l'altopiano e subito ci si accorge di entare in una "perla". Se il turista arrriva in treno viene premiato: può cioè utilizzare i “piccoli veicoli elettrici” in loco.

E chi arriva in auto? Consegnando per almeno 4 giorni le chiavi all’ufficio turistico, può richiedere la SAMO-Card che  dà diritto a una serie incredibile di prestazioni e attività gratuite: oltre all’utilizzo delle auto elettriche “Smile-E’s”, al servizio shuttle diurno e al taxi notturno, i possessori della SAMO-Card hanno diritto anche al transfer gratuito dalla stazione di Bischofshofen all’alloggio e al noleggio gratis di attrezzatura sportiva.

Gli ospiti hanno così la possibilità di usufruire gratuitamente di una serie di veicoli a impatto zero: bici, mountain-bike, bici elettriche, fun-bike e una flotta di auto elettriche. Tutti i veicoli elettrici vengono alimentati da una stazione di ricarica solare posta nel centro del villaggio e da un impianto fotovoltaico realizzato sul versante sud del paese, che produce 294.000 kWh all’anno, ossia il fabbisogno energetico di circa 150 famiglie.

Grazie all’impegno per la tutela del clima, Werfenweng si è già aggiudicata una serie di premi internazionali, tra i quali va sicuramente citato l’importantissimo riconoscimento ambientale dell’Energy Globe Award.

L’idea di “mobilità dolce” è infatti il perno della sua accoglienza, un approccio che ha condotto alla creazione del network “Alpine Pearls – Perle delle Alpi” una rete che tutela le tipicità regionali e soprattutto la promozione della mobilità ecocompatibile e che ha sede proprio a Werfenweng una delle 27 località, sparse in 6 paesi alpini, che possono fregiarsi dell’appellativo di “Perla delle Alpi”.


< nella foto siamo con il sindaco
Peter Brandauer in carica da 26 anni e Giovanni
Vassena che cura le Alpine Pearls e vive in
T-shirt...anche d'inverno



Tutti i comuni aderenti si impegnano a dare agli ospiti la possibilità di arrivare comodamente senza auto sul luogo di vacanza, l’utilizzo gratuito dei mezzi pubblici in loco e una serie di offerte all’insegna della tutela del clima.

Naturalmente è anche il posto ideale per gli amanti del trekking, dell’arrampicata e della mountain-bike, per chi ama correre o praticare il nordic walking. Per loro è stato creato nel 2007 il "Running & Walking Park" dotato di sistema Runnersfun® con frecce direzionali e indicazioni dei chilometri, lunghezza e profili altimetrici dei percorsi e uno speciale sistema GPS, consente a tutti, dai principianti agli agonisti, di allenarsi in modo vario secondo il proprio programma individuale. Anche in inverno le possibilità per praticare sport all’aria aperta non mancano: 26 km di piste da fondo (tecnica classica e skating), piste da slittino e soprattutto un comprensorio di 26 km di piste per lo sci alpino di tutte le difficoltà.

E a tavola il menù lo decide il turista. Si può obiettare che questo in realtà accade ovunque. Invece no: la differenza è che qui gli ospiti di b&b, appartamenti e agriturismi possono usufruire, nei giorni in cui lo desiderano, di una mezza pensione personalizzata, scegliendo ogni mattina, in base ai menu il locale in cui recarsi a pranzo o a cena migrando e assaggiando i sapori del territorio in assoluta libertà.

Ma la qualità e la tipicità la si trova anche nel grande albergo "Travel Charme Bergresort" che in paese può ospitare fino a 400 persone (120 camere e  46 appartamenti all'interno del complesso costruito per non impattare con il paese: sembra piccolo ma l'hotel è molto grande). Ottime le colazioni al mattino con il pane fresco del villaggio, le marmellate casalinghe, speck del contadino e formaggi delle malghe vicine per chi predilige invece il salato.



< nella foto: il pane fresco del mattino



L'accoglienza è esclusiva ed i servizi quasi  a 5 stelle, con un centro benessere molto attrezzato, piscina interna ed esterna con acqua calda per nuotare anche nella neve  e  camere raffinate, nelle quali il silenzio della valle non viene violato da alcun rumore interno.

Cosa vedere e quali escursioni fare? C'è l'imbarazzo della scelta: con mezz'ora di strada si arriva a Salisburgo, la città di Mozart, oppure alla Fortezza di Hohenwerfen, alle grotte di ghiaccio più grandi al mondo dell’Eisriesenwelt o alle terme di Bad Hofgastein o Bad Reichenhall. Tutti questi luoghi sono facilmente raggiungibili con i mezzi pubblici o con i veicoli elettrici di Werfenweng, of course.

Piccola annotazione economica: aver investito su una mobilità intelligente per mantenere il paese nel clima tipico in cui è sempre stato, "frutta" ogni anno al Comune un ritorno diretto che entra nelle casse dell'amministrazione con la tassa di soggiorno: 2 euro a persona. Il programma di mobilità dolce (quindi acquisto e mantenimento veicoli, servizi navetta, etc.) viene finanziato attraverso un contributo ulteriore rispetto alla tassa di soggiorno versato dalle strutture ricettive che aderiscono all'iniziativa.
Tutti insieme concorrono e tutti insieme godono i frutti.

(C.Perer - Werfenweng)

 


> Relax, please: Cloud9
> Gente del salisburghese
> Carinzia, a Mallnitz patria dello stambecco
> L'albergo diffuso crea coesione sociale
> Alpine Pearls su Giornale SENTIRE

 

Per saperne di più:
- www.werfenweng.eu
- www.alpilife.eu  
- tourismusverband@werfenweng.eu
- www.alpine-pearls.com

- www.travelcharme.com

 

FOTOSERVIZIO: www.giornalesentire.it
*riproduzione riservata

Viaggi

Viaggi

banner.jpg 185x190.gif colore_rosso.jpg banner_gusti.jpg viaggio_2.jpg banner_hotel.jpg logoViaggiareSicuri.jpg